CALCIO: la Serie A 2021-2022
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

LE BOTTEGHE STORICHE DELLA CAPITALE: L’ANTICA ERBORISTERIA ROMANA

antica-erboristeria-romanadi Sabrina Sciabica (AG. RF. 02.03.2017)

(riverflash) – Una città antica come Roma custodisce luoghi ricchi di fascino sui quali il trascorrere del tempo e il progresso tecnologico sembrano non aver alcun effetto; alcuni sono poco considerati dal turismo “di velocità” che si pone come obiettivo quello di visitare più monumenti nel minor tempo possibile.

Un po’ nascosti dalle vie commerciali, spesso di piccole dimensioni e arricchite dai loro arredi originali, le botteghe storiche della capitale hanno un aspetto quasi magico. Molte sono censite dall’associazione a loro dedicata (l’elenco è sul suti www.botteghestoricheroma.com), altre si incontrano come un’apparizione mistica, del tutto casualmente, quando si abbandonano le immense piazze e ci si addentra nelle più silenziose stradine del centro storico.

Questo è il caso dell’Antica Erboristeria Romana, con la sua porta di legno e una semplicissima insegna, su via di Torre Argentina n.15, vicina alla più famosa e splendida piazza.

Esiste dal 1752 e ancora oggi, oltre che vendere prodotti di erboristeria, fitocosmetici (ovvero cosmetici che utilizzano prodotti di origine vegetale) e alimenti biologici, mantiene il suo aspetto originale e si avvale di impiegati disponibilissimi.

Varcata la soglia ci ritroviamo in un ambiente accogliente in cui le pareti sono formate da cassetti in legno di noce, ognuno con una targhetta che porta il nome dell’erba che vi è contenuta. Anche il soffitto è in legno, a cassettoni, e interamente decorato. Oltre alle erbe medicinali (se ne vendono di oltre 300 tipi), è possibile scegliere tra 40 varietà di tè in foglie, provenienti da tutte le parti del mondo. E, ancora, infusi di frutta, olii essenziali, tinture madri e diverse varietà di miele.

Qui si può trovare, ad esempio, il prestigioso tè cinese Lapsang Souchong, un tè nero che, dopo essere stato fatto ossidare, viene essiccato e affumicato con legno di pino o di cedro. Acquista, quindi, un forte odore e un intenso sapore come di bosco; è conosciuto dagli esperti e consigliato per i palati curiosi alla ricerca di nuovi sapori.

Lo scopo principale dell’erboristeria è aiutare chi cerca un rimedio naturale per un particolare disturbo fisico o psicologico; qui, infatti, è possibile rivolgersi al personale preparatissimo che suggerirà una tisana ad hoc, ovvero con una specifica valenza fisiologica, prelevando, pesando e mischiando le giuste erbe.

L’amministratore attuale del negozio è il professor Paolo Ospici, che vi organizza corsi e seminari. Erborista figlio d’arte – il padre svolgeva questa professione – dopo la laurea in Farmacia, ha approfondito la naturopatia e l’erboristeria. Per chi volesse informarsi, è possibile iscriversi alla newsletter tramite il sito www.anticaerboristeriaromana.it dove si trovano anche, nella sezione tisane, le “ricette” utilizzate.

Oltre a tutto ciò, sono in vendita liquori e distillati d’erbe, libri e vari oggetti da regalo, sempre attinenti al principio che in erbis salus.    

 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*