il decesso di Morricone a 91 anni
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

MILAN – ROMA 2 A 0: RIECCO LA ROMA SPARITA

AG.RF.(Maura Peripoli).28.06.2020

“riverflash” . La Roma che non ti aspetti o meglio, quella che temi, quella in grado di vincere una partita grazie ai suoi “gioelli” e quella che subito dopo si “attrezza” per perdere, ha perso oggi la sua fsida a San Siro contro il Milan, per 2 a 0. Un’altra sconfitta “nulla da dire” per la squadra di Fonseca che si allontana così ulteriormente dall’Atalanta e “invita” il Napoli ad avvicinarsi in classifica. “Fisicamente abbiamo sofferto ma loro non hanno creato granché e abbiamo regalato noi il primo gol”. Ha commentato così mister Fonseca fortemente deluso a fine partita e gli diamo ragione tanto più che il primo gol che ha incassato la Roma, è stato la fotocopia esatta di quello preso contro la Sampdoria a testimonianza del fatto che in questa squadra c’è un meccanismo che ogni tanto si inceppa e fa precipitare la situazione: i gol di Rebic e Calhanoglu hanno steso i giallorossi nel secondo tempo, e il Milan ha vinto meritatamente la partita. Per il match odierno, Fonseca aveva deciso di ricorrere al tournover, cambiando addirittura 6 giocatori: (fuori Bruno Peres, Ibanez, Kolarov, Diawara, Carles Perez e Pastore, dentro Zappacosta, Mancini, Spinazzola, Cristante, Kluivert e Pellegrini), mentre Pioli ha schierato il tridente Castillejo-Bonaventura-Calhanoglu dietro Rebic. Il primo tempo è filato via in modo piuttosto prudente da parte di tutte e due le squadre e la sensazione è stata quella che ambedue volessero rimanere piuttosto “abbottonate”, più che tentare di andare avanti e provare a segnare: ne sono usciti fuori 45 minuti piuttosto noiosi e privi di emozioni, dove Donnarumma ha corso solo un unico pericolo, quando un cross di Kluivert sporcato da Kessie è terminato sulla testa di Dzeko, che ha girato a lato di pochissimo. Sul versante opposto la grande occasione è capitata invece sulla testa di Calhanoglu, imbeccato da Hernandez, ma il 10 rossonero, tutto solo, si è divorato il gol senza riuscire ad abbassare il pallone. Nella ripresa la musica è cambiata e il Milan, fino allora piuttosto soporifero, ha iniziato ad essere più incisivo, grazie anche ai cambi effettuati da Pioli: dentro Paquetà e Saelemaekers al posto di Bonaventura e Castillejo (mentre Fonseca ha inserito prima Carles Perez per Kluivert, poi Perotti per Mkhitaryan e Kalinic per Dzeko). Da quel momento in poi, a rischiare è stata solo la Roma: tra il 20’ e il 22’ minuto, prima è stato Calhanoglu a impegnare molto seriamente Mirante, poi ci ha provato Paquetà con un destro insidioso. Al 31esimo poi, è arrivata la svolta: “solito” erroraccio di Zappacosta che ha innescato Rebic: cross di Paquetà, mezza rovesciata di Kessie respinta da Mirante,  Rebic si vede deviato sul palo il primo tentativo ma sul secondo non sbaglia ed è 1 a 0 per i padroni di casa. All’89’, la partita si chiude definitivamente: Smalling atterra Theo Hernandez in area, l’arbitro concede il rigore e Calhanoglu sigla il definitivo 2 a 0: un’ennesima delusione per la squadra e i tifosi.

 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*