CALCIO: la Serie A 2021-2022
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

MALARAZZA E LE CITTÀ INFELICI

thumbnail

di Sabrina Sciabica (AG. RF. 11.11.2017)

(riverflash) – Malarazza è il nome  – di fantasia – di una famiglia di boss malavitosi che vive in un quartiere di Catania, non frequentato dai turisti che affollano la vivace città; un luogo quasi nascosto, poiché dista circa sei chilometri dal centro storico; una zona in cui l’architettura degli anni Sessanta aveva disegnato abitazioni futuristiche che, invece, il tempo ha trasformato in ghetto, in cui i ragazzi sono straziati dal dilemma di restare, ancorati alle proprie radici, o scappare, verso qualcosa di più stimolante.

Il film è ambientato a Librino ma, se non fosse pieno di dialoghi in dialetto siciliano, potrebbe rispecchiare la situazione di numerose periferie italiane.

L’altro luogo in cui ha girato il regista Giovanni Virgilio è San Berillo, un tempo vero e proprio quartiere a luci rosse della cittadina, oggi in via di riqualificazione per la sua vicinanza al centro (stiamo parlando di una parallela di via Etnea), ma ancora luogo di prostituzione e sfruttamento.

Al di là della storia che narra, Malarazza è la fotografia, ai nostri giorni, dei quartieri degradati e della gioventù che li abita. Eppure la pellicola è fortemente consigliata perché non è l’ennesimo racconto di mafia.

Prima di tutto per il punto di vista: è attraverso gli occhi dei deboli, dei più emarginati, che scorriamo la vicenda. Rosaria è la giovane moglie di un mafioso, vittima delle sue violenze, madre di un figlio che cerca in tutti i modi di salvare da quel destino che sembra scritto nel suo cognome. Suo fratello Franco è un trans che si prostituisce dai tempi dell’adolescenza e raramente si allontana da quel budello in cui si mostra per lavorare o dalle stanze della sua casa, buia, claustrofobica e illuminata soltanto da luci artificiali.

Eccezionali gli interpreti. Stella Egitto sembra impersonare la bellezza triste della sua isola, una Sicilia piena di fascino, di contrasti e di dolori. Paolo Briguglia ha un’espressività  così intensa al punto che i suoi sguardi parlano meglio delle sue parole. Le piccole ma significative parti di Lucia Sardo (l’abbiamo vista come madre di Peppino Impastato ne I cento passi), sono un costante richiamo all’azione. E i ragazzi sono tutti perfetti e spontanei, anche perché sono alla loro prima volta sullo schermo.

E poi c’è una colonna sonora studiata per ogni scena, in cui si passa dal rap alla bossa nova, dai neomelodici alla voce di Arisa.

Al contrario di molti lungometraggi e serie tv che affrontano l’argomento della violenza malavitosa, Malarazza è ugualmente crudo e realista, ma è una vera e propria denuncia, che non intende esaltare i criminali. Anzi, vuole prendere una posizione ben precisa, dimostrando che non possono esistere mezze misure, che “le cose o le fai o non le fai”, come dice Franco alla sorella. È un film sull’urgenza di mettere tutto allo scoperto, annullando vergogna e sotterfugi, sull’importanza dell’essere se stessi e del sentirsi liberi, sotto tanti punti di vista.

Il messaggio è chiaro e forte come un pugno nello stomaco. Malarazza è la voglia di salvare l’umanità da strazianti vendette che rischiano di diventare infinite, se qualcuno non ha la forza di fermarne il ciclo.

Qualcuno o qualcosa, perché la speranza c’è.

È nel libro che la donna nasconde dal marito, che la vorrebbe ignorante. È la purezza del suo volto angelico, in una figura femminile dal potere salvifico.

È la frase che il professore scrive alla lavagna, perché nessuno dimentichi che l’illegalità si nutre di povertà e ignoranza. È in quelle parole di Italo Calvino che aveva capito che “Ci sono frammenti di città felici che continuamente prendono forma e svaniscono, nascosti nelle città infelici”.

È nell’immensità di quel mare che osserva la morte, che accoglie e restituisce corpi, che con il suo infinito movimento ci fa ancora credere in una vaga idea di purificazione, seppur dopo tanto dolore.

 

 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*