il decesso di Morricone a 91 anni
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

ALLA SCOPERTA DI BALTHUS ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE

balthusDi Maria Michela D’Alessandro (AG.RF. 10.11.2015) (river flash) – A quindici anni dalla morte di Balthasar Klossowski de Rola, conosciuto in tutto il mondo come Balthus, una grande mostra monografica a Roma ricorda l’artista: fino al 31 gennaio 2016 alcune sue opere saranno ammirabili presso le Scuderie del Quirinale e a Villa Medici, dove Balthus fu direttore per molti anni, per poi trasferirsi da febbraio a giugno 2016 al Kunstforum di Vienna. 

Sono circa duecento le opere esposte: quadri, disegni e fotografie provenienti dalle più grandi istituzioni museali europee e americane, ma anche da prestigiose collezioni private che riescono a ricomporre il percorso artistico dell’artista nato a Parigi nel 1901. La retrospettiva prende forma in modo completo alle Scuderie del Quirinale grazie all’esposizione dei lavori più noti attraverso nove sezioni: “La Strada”, “L’Infanzia”, “Cime Tempestose”, “Al di là dello specchio”, “La camera”, “Il teatro della crudeltà”, “La semplicità classica”, “Chassy” e “Dal modello al fantasma”. 

Aver viaggiato per tutta l’infanzia e non solo, da Berlino alla Svizzera, diede a Balthus la possibilità di scoprire da vicino la cultura mitteleuropea, mentre in Italia furono i maestri del Rinascimento a folgorarlo. Il risultato è un mix di tradizioni artistiche che riescono a fondersi perfettamente. Dopo la guerra la pittura si fa più densa e nelle iconografie compaiono nudi e ragazze. 

A far da cornice alla mostra sono gli “Incontri con Balthus”, in programma nella Sala Cinema del Palazzo delle Esposizioni: un ciclo di incontri di approfondimento sulla figura dell’artista e sui temi delle opere in mostra. Iniziato a fine ottobre, il ciclo proseguirà il 18 novembre con “Pierre Klossowski. Fratello eterodosso di Balthus”, il 25 novembre con “Balthus nel crocevia degli anni Trenta”, il 9 dicembre con “Il mio amico Balthus”, il 16 con “Balthus anti-moderno?” e il 13 gennaio con l’ultimo appuntamento “Balthus. Dieci temi per una mostra”. 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*