Coppa di Africa dal 13 gennaio
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

ROMA, SCOPPIA LA POLEMICA SULLE CIFRE TRA M5STELLE E DEM, MENTRE SALVINI SCEGLIE DA CHE PARTE STARE….

CONFERENZA STAMPA MATTEO SALVINI ALLA STAMPA ESTERA

AG.RF.(MP).08.06.2016

“riverflash” – Il Movimento 5Stelle, nella tornata elettorale dedicata alle amministrative, ha totalizzato “956.552 voti il MoVimento 5 Stelle e si afferma come la forza politica nazionale più votata.  Al secondo posto, in via di estinzione, c’è il Pd con 953.674 voti, un risultato ben lontano da quello vaneggiato nel magico mondo di Renzie dove ‘il Pd ha il 40% ovunque’ mentre a Roma il Pd ha preso il 17%, a Napoli l’11%, a Savona il 21%, a Grosseto il 19%”. Sono queste le parole che si leggono sul blog di Grillo, a seguito della votazione di domenica scorsa. “Le elezioni del 5 giugno, sanciscono un’espansione M5s su tutto il territorio nazionale. Sono stati eletti 190 nuovi consiglieri comunali 5 stelle (in attesa dell’esito del voto del secondo turno del 19 giugno dopo il quale se ne aggiungeranno altri), 4 sindaci al primo turno e ci sono 20 ballottaggi grazie a 956.552 cittadini in tutta Italia che hanno dato fiducia ai candidati del M5s per far rinascere le loro città”. E non è tutto, perché, sempre sul blog, si leggono ancora le parole di Beppe Grillo che definisce Renzi “un cialtrone che vive nel suo mondo magico”. Tutto ciò, in risposta all’affermazione del premier che sostiene come al primo turno, il Pd abbia portato a casa quasi mille sindaci”. Nella realtà invece, sempre secondo quanto affermato dai 5Stelle, “le liste presentate dal Pd alle amministrative sono appena 123 (circa la metà di quelle del MoVimento 5 Stelle) e i candidati piddini che hanno vinto al primo turno sono 18 (non 1000), diciotto (non mille)”. E la polemica nasce quindi dal fatto che, secondo Grillo, Renzi l’avrebbe l’ha sparata gigantesca, alterando un dato in maniera clamorosa e grottesca come fa con la disoccupazione, con i dati economici, con gli incapienti costretti a restituire gli 80 euro. Cosa ancora più grave tutti i giornali e le tv hanno ripreso il dato senza che nessun giornalista verificasse l’esattezza dell’affermazione. E’ sufficiente andare sul sito del ministero e controllare: se non ti fidi controlla di persona, è il suggerimento corredato dall’elenco dei “18 comuni (non 1000) in cui il Pd ha un sindaco al primo turno”.  Tutto ciò accade mentre Matteo Salvini dichiara apertamente di essere dalla parte della Raggi a Roma e di sostenere mentalmente i grillini a Torino:  “Non sono proprietario dei voti di nessuno e non farò appelli al voto ma se qualcuno mi chiede un consiglio, gli dico cambiare. Cambiare chi ha mal gestito Roma e Torino. E dunque non votare mai per uno del Pd e mettere alla prova i 5Stelle. Gli darei il mio voto sia a Roma che a Torino”.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*