Coppa di Africa dal 13 gennaio
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

EUROPA LEAGUE, MANCHESTER UNITED – ROMA 6 A 2: ENNESIMA UMILIAZIONE PER LA SQUADRA DI FONSECA

AG.RF.(redazione).30.04.2021

“riverflash” – “Io sono il principale responsabile, come sempre e come in ogni momento, non voglio cercare alibi, non scappo dalle mie responsabilità. E’ una sconfitta pesante, abbiamo fatto un buon primo tempo ma non siamo esistiti nel secondo, siamo stati condizionati dall’aver perso tre giocatori e non abbiamo potuto fare le sostituzioni. Avevamo Smalling e Diawara in difficoltà, è successo di tutto. E’ difficile da spiegare una sconfitta così pesante dopo il primo tempo che abbiamo fatto. Nella ripresa abbiamo lasciato troppo spazio a loro, non siamo stati aggressivi e dopo il terzo gol non abbiamo avuto la forza mentale per reagire. E’ difficile giocare contro di loro senza la possibilità di fare sostituzioni”. Si è difeso così mister Fonseca dopo la pesante sconfitta che la Roma ha subito ieri sera nella partita di Europa League contro il Manchester: una specie di “era già tutto previsto”, visto l’andamento della squadra in campionato e gli infiniti infortuni subiti dai giocatori giallorossi durante la stagione. Insomma, una disfatta difficile da commentare, un’umiliazione difficile da dimenticare. “La difficoltà è stata mentale non tattica” – ha aggiunto il mister della Roma – per non aver saputo reagire al terzo gol, la squadra ha accusato molto, senza la possibilità di effettuare sostituzioni era difficile cambiare qualcosa”. Può bastare questo per giustificare la mortificazione  subita ieri sera a Manchester? “Non conosco questa squadra” aveva detto Solskjaer, l’allenatore del Manchester United (dichiarazione poi rettificata con “sono stato frainteso, ho il massimo rispetto per la Roma”) ma i tifosi giallorossi purtroppo la conoscono bene in tutte le sue sfaccettature, anche se dopo il meraviglioso saluto di incoraggiamento ai giocatori davanti ai cancelli di Trigoria e i tanti cartelli esposti, forse non ci si aspettava una simile disfatta: i giallorossi dunque, sono crollati in casa del Manchester United, dopo aver chiuso addirittura in vantaggio per 2 a 1 nel primo tempo . All’ “Old Trafford” i Red Devils hanno già praticamente conquistato l’accesso in finale di Europa League, grazie al 6 a 2 inflitto agli ospiti, “perfezionato” nella ripresa: sblocca il match Bruno Fernandes, pareggia Pellegrini su rigore, al 33′ Dzeko porta avanti i suoi, dopo 3 infortuni pesanti nei primi 37 minuti (unica squadra italiana a subirli): Veretout, Pau Lopez e Spinazzola, sostituiti rispettivamente da Villar, Mirante e Bruno Peres. Il primo tempo finisce 2 a 1 per i giallorossi e anche se con la Roma non sei mai tranquillo (è storia…), nulla lasciava presagire il disastro avvenuto nel secondo tempo: la doppietta di Cavani, B. Ferandes dal dischetto ( il rigore non c’era..), Pogba e Greenwood, hanno letteralmente steso i giallorossi, crollati nel secondo tempo, che hanno incassato ben 5 gol, sbagliando tutto, dal punto di vista mentale, tattico, e in grave affanno fisicamente e purtroppo non è finita qui, perché c’è ancora da disputare la partita di ritorno giovedì prossimo all’Olimpico…Se prima di questa sfida il destino di Fonseca era in bilico, ora il suo addio è scontato: i Friedkin dovranno agire e farlo in fretta per “salvare” questa squadra da altri disastri: “occorre cambiare tutto e rifondare la squadra”, scrivono i tifosi, ammutioliti, sul web: per tutto l’amore e la fedeltà dimostrata alla loro squadra, non meritano questo.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*