I gironi e le date della Champions
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Utilizzare la “refillable bottle” per contrastare il dilagare delle bottigliette di plastica

AG.RF 31.08.2019

(riverflash) – Quando passò per l’Italia la baby-ecologista svedese Greta Thunberg era la metà di aprile. Allora lei incontrò Papa Francesco e sollevò un’ondata ecologista. Al bando le bottigliette di plastica per portare l’acqua in contenitori riutilizzabili. Nei parchi si sono iniziate a vedere le bottiglie riutilizzabili, ma è durato poco. Con il caldo di questa estate la vendita delle bottigliette di plastica usa e getta è salita a dismisura. Durante la traversata atlantica a bordo dello Yacht Malizia di Pierre Casiraghi è stata scattata la foto di una bottiglietta di plastica sulla barca. Non si sa se la bottiglietta era di Greta o se lei ci avesse bevuto, ma la giornalista Ilaria Paoletti si è scatenata su «Il Primato Nazionale» quotidiano sovranista stigmatizzando il crollo di immagine della giovane svedese.

La “refillable bottle”, (o bottiglia riutilizzabile) molto diffusa nel nord Europa e in America, è uno degli accessori più flessibili che ci siano.
La possiamo trovare nello zaino di un bambino che va a scuola e allo stesso tempo nella 24 ore del top Manager.
Il vantaggio principale di questo tipo di bottiglia è che sostituisce le innumerevoli bottiglie di plastica che utilizziamo quotidianamente, con un notevole vantaggio per l’ambiente.
Basta pensare che per produrre 1 solo kg di PET (il tipo di plastica utilizzato per le bottiglie d’acqua) si utilizzano 2 kg di petrolio e 7 litri d’acqua con la conseguente liberazione di più di 2 kg di anidride carbonica.
I dati rivelano che solamente il 36% delle bottiglie di plastica viene destinato al riciclaggio.
La restante percentuale viene destinata ad inceneritori o interrata o dispersa nell’ambiente.

Perchè utilizzare una bottiglia riutilizzabile?
Fai del bene all’ambiente
Ogni giorno vediamo sulle nostre strade rifiuti abbandonati: molte volte si tratta di bottiglie di plastica usa e getta o lattine lasciate sul ciglio della strada, ai lati di un marciapiede, nelle aiuole e perfino in tangenziale.
Lo scenario peggiora se poi ci troviamo in località balneari, sulle spiagge o nei corsi d’acqua: la quantità di plastica abbandonata è altissima e crea un vero e proprio danno all’ambiente e all’ecosistema.
Cosa possiamo fare nel nostro piccolo per cambiare le cose?
Abbandonare le abitudini e la pigrizia (e non le bottiglie)
Scegliere di passare ad una bottiglia riutilizzabile
Tenerla sempre in borsa o nello zaino con noi!
Così facendo potremo ridurre il numero di rifiuti da riciclare ed evitare l’abbandono selvaggio.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*