il decesso di Morricone a 91 anni
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

“UNA NUOVA ROMA”: GRAZIE A FENDI IL NUOVO VOLTO DEL PALAZZO DELLA CIVILTÀ ITALIANA

12194707_1121021151250462_5341079800036944471_o

di Maria Michela D’Alessandro (AG.RF. 10.11.2015) (river flash) – Raccontare un quartiere, la storia di un edificio, di un’icona e di una città: sono queste le finalità e le peculiarità dell’esposizione “Una nuova Roma. L’EUR e il Palazzo della Civiltà Italiana”, in mostra fino al 7 marzo 2016 nel nuovo Head Quarter della Maison Fendi nel cuore del quartiere a sud di Roma EUR. 

Costruito in occasione dell’Esposizione Universale del 1942 che per lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale non iniziò mai, il Palazzo della Civiltà Italiana, chiamato poi Palazzo della Civiltà del Lavoro, ma conosciuto da tutti come Colosseo Quadrato per gli archi delle sue facciate, fu progettato nel 1937 dagli architetti Giovanni Guerrini, Ernesto Bruno La Padula e Mario Romano per ospitare la mostra della Civiltà Italiana nell’ambito del grande programma dell’E42 e, ieri come oggi, rappresenta il quartiere conservando il suo splendore grazie anche al rivestimento in travertino. Dopo anni di abbandono e inutilizzo dal luglio 2013 fino alla fine del 2028, il Comune di Roma ha concesso l’affitto alla casa di moda italiana Fendi che di fatto ha donato una nuova bellezza al Palazzo. 

L’inaugurazione del quartier generale ha svelato anche le opere in mostra al pian terreno dell’imponente struttura che in futuro ospiterà altre esposizioni e installazioni aperte al pubblico. Presenti disegni, schizzi e studi dei grandi protagonisti dell’architettura del Novecento accostati a oggetti di design dell’omonima griffe, ma anche fotografie di Karl Lagerfeld, Gabriele Basilico, Fabrizio Ferri, Franco Fontana, Andrea Jemolo, Mimmo Jodice, Giulio Pediconi, Hans Christian Schink e la proiezione di scene di film di registi italiani, come Federico Fellini, Michelangelo Antonioni, Vittorio De Sica, Elio Petri, Roberto Rossellini e Bernardo Bertolucci. Tra i grandi artisti Gino Severini, Mario Sironi, Enrico Prampolini e Francesco Messina.

La mostra, ideata e coordinata scientificamente dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è stata realizzata in collaborazione con l’Istituto Luce Cinecittà e EUR spa con l’organizzazione di Zétema Progetto Cultura ed è a cura di Vittorio Vidotto e di Carlo Lococo. 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*