Modello di Autocertificazione
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

TRASPORTI: PARCHEGGIO DI MONTEBELLO E NUOVA STAZIONE DI PRIMA PORTA, ESPOSTO DEL COMITATO PENDOLARI DELLA ROMA-CIVITACASTELLANA-VITERBO

roma-civitacastellana-viterno

(AG.RF. 27.02.2016) (ore 23,33) (riverflash) – Nel 2015 c’è mancato poco che si aggiudicasse il trofeo Caronte, assegnato da Legambiente Lazio per il “viaggio più infernale” nella regione. La Roma-Civitacastellana-Viterbo, una delle tre ferrovie regionali gestite da Atac, è infatti risultata seconda soltanto alla Roma-Lido, giudicata da Legambiente, nel rapporto Pendolaria 2015, la peggiore tratta ferroviaria d’Italia. E nel 2016, stando a quanto riferisce il Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord, i disagi per gli utenti del servizio sembrano proseguire.

A gennaio Fabrizio Bonanni, presidente del Comitato, ha presentato un esposto alle procure di Roma e di Tivoli, inviato per conoscenza anche ad Atac, Regione Lazio e Comune di Roma, sullo stato dei lavori nel parcheggio della fermata di Montebello e sulla situazione riguardante la nuova stazione di Prima Porta. La Direzione regionale Territorio, urbanistica, mobilità e rifiuti ha risposto a Bonanni il 2 febbraio precisando che l’area del parcheggio della stazione di Montebello non è di proprietà della Regione, ma del Comune di Roma ed è in gestione ad Atac. Inoltre, nel testo si spiega che la Regione Lazio non ha erogato finanziamenti per la realizzazione del parcheggio. In merito alla nuova stazione di Prima Porta, invece, la Direzione regionale Territorio, urbanistica, mobilità e rifiuti ha comunicato di aver predisposto gli atti per calendarizzare le verifiche e le prove funzionali necessarie per procedere all’apertura della struttura.

Sul proprio sito internet, inoltre, il Comitato parla un «progressivo e “scientifico” depotenziamento della tratta extraurbano, complici il nuovo orario di servizio in vigore da ottobre, l’evasione tariffaria alle stelle, e l’inserimento di punti di rottura a Catalano e a Montebello e le conseguenti autocorse sostitutive». Sul sito del Comitato si legge anche che «alcuni utenti ci fanno sapere che da qualche tempo ci sono strani incidenti sulla tratta extraurbana e che spesso non ne viene diffusa la notizia evidentemente per non far sapere che alcuni tratti di linea e alcuni treni non sono poi così sicuri come si vuole far credere.

Per quanto riguarda la Roma-Lido, invece, è di pochi giorni fa la notizia che un sasso ha colpito il vetro di un convoglio infrangendo un finestrino e sfiorando una passeggera, fortunatamente illesa, che si trovava a bordo della carrozza. Atac, che ha definito l’accaduto un «atto vandalico», attraverso un comunicato stampa, «nel deprecare il comportamento di coloro che danneggiano il patrimonio pubblico, e così facendo causano disservizi ai cittadini, rinnova l’appello per un maggiore senso civico, che vuol dire anche rispetto dei beni comuni».

Sul fronte trasporti potrebbero essere introdotte novità riguardanti i rimborsi per i ritardi e l’evasione del titolo di viaggio. La bozza del decreto legge sui servizi pubblici locali prevede infatti il diritto al rimborso per utenti dei mezzi pubblici cittadini in caso di cancellazioni o ritardi che provochino un’attesa superiore alla mezz’ora, ad eccezione dei casi di sciopero, calamità naturale o evento imprevedibile. Per chi evade il titolo di viaggio, invece, la bozza indica una multa pari a sessanta volte il valore del titolo ordinario e non superiore ai 200 euro dove manchi una legge regionale.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*