CALCIO: la Serie A 2021-2022
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

TEATRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO VENERDI’ 12 E SABATO 13 NOVEMBRE ALLE ORE 17 PRESENTA: WOYZECK

 AG.RF.(redazione).09.11.2021

 

“riverflash” – Il 12 e il 13 novembre alle ore 21.00 e il 14 novembre alle ore 17.00 va in scena al Teatro Biblioteca Quarticcciolo Woyzeck! una riscrittura di Büchner ad opera della drammaturga Letizia Russo, con Marco Quaglia per la regia di Carmelo Alù, una coproduzione 369gradi e Compagnia dell’Accademia.

Non sono ancora passati duecento anni dalla condanna e decapitazione di Johann Christian Woyzeck, avvenuta a Lipsia nel 1824 in seguito all’uccisione della donna con cui stava. Eppure quest’uomo è diventato ormai un nuovo mito del teatro occidentale, al pari di Antigone o di Macbeth. Büchner aveva ventiquattro anni quando scriveva il suo Woyzeck, ha cambiato il nome in Franz ma per il resto i fatti sono ispirati alla realtà. Quell’interesse nel buio ha generato un testo incompiuto che nell’ultimo secolo è stato sempre un caso artistico perché custode di un mito tragico: la società suggerisce il male al singolo per poi condannarlo e ucciderlo. Chi si è macchiato le mani di sangue, il singolo o la società? Chi uccide cosa?
L’autore muore e il dramma resta un insieme di frammenti disordinati e spesso incomprensibili.

Nonostante i frammenti confusi Woyzeck è una bocca spalancata che urla, una voce sgolata e asciutta. In fondo a quel grido c’è il pudore di chi non riesce a stare al mondo perché il mondo si è rivelato solamente un posto dove poter sudare, un pianeta sfibrato dove l’uomo alla fine è sempre un soldato che deve obbedire, con una luna dipinta al posto del sole e un figlio bastardo che piange perché ha fame. In occidente non esiste colpa senza una pena e non esiste inferno senza un corpo. I muscoli e le ossa diventano una compagnia insopportabile, Woyzeck è solo, non ha più trent’anni, è più vecchio adesso, il buio è cresciuto e il tempo passato lo ha abituato a sentire nella carne il dolore di esistere ancora, di dover fare ancora, di dover capire ancora, di dover ancora sudare. Woyzeck non è più una voce fuori dal coro. È lui stesso un coro ma la voce è sempre la sua. E tutte le volte che lui si rivela noi vediamo un uomo che ascolta, perché l’obbedienza è cieca ma non è mai sorda.

                               
Crediti

Woyzeck! | Teatro

di Letizia Russo

regia Carmelo Alù

con Marco Quaglia

partitura fisica Chiara Taviani

scene e costumi Marta Montevecchi                                                                                          

luci Marco D’Amelio

musiche Francesco Leineri                                                                                                        

voce Serena Lo Curzio

direzione di produzione Alessia Esposito

organizzazione Elisa Pescitelli

Teatro Biblioteca Quarticciolo

Direzione Giorgio Andriani, Antonino Pirillo, Valentina Marini

Consulenza culturale Valentina Valentini

Luogo spettacolo:

via Ostuni 8 – 00171 Roma

N.B. La partecipazione agli eventi richiede l’esibizione del green pass, dai 12 anni in su,

secondo le normative covid 19 vigenti.

 

Info e prenotazioni tel 06 69426222 biglietteria@teatrobibliotecaquarticciolo.it  

Botteghino feriali ore 18-21.30, festivi ore 15-17.30

Biglietti

12€ intero, 10€ ridotto

Acquisto on line   http://www.2tickets.it/SelectTitolo.aspx?idt=1952502&set=T&ide=1802&car=

Canali digitali:

https://www.facebook.com/teatrobibliotecaquarticciolo/

https://www.instagram.com/teatrobibliotecaquarticciolo/?hl=it

www.teatrobibliotecaquarticciolo.it

https://www.tbqvoices.com

https://vimeo.com/tbqvoices

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*