il 20 giugno riparte la Serie A
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Solo chi si prende cura sé stesso può prendersi cura degli altri

Ecco un’altra delle pillole di letteratura d’avanguardia: questo breve racconto ha l’intento lasciare assieme ad uno stato umorale positivo un piccolo inegnamento. La favola in questione fa capire che le apparenze ingannano e che spesso una persona che si prende cura di sé stessa viene reputata egoista se si dà un giudizio superficiale e non si approfondisce il motivo per cui essa è portata a comportarsi in un certo modo; quando invece dovrebbe essere un esempio per tutti perché solo chi ama sé stesso è capace di fare del bene agli altri.

Keyla decise di partire e fare un viaggio da sola per riflettere e prendere decisioni importanti nella sua vita. Andò in posto dove ebbe occasione di essere a contatto con la natura, di correre nei boschi, di fare nuotate al mare e di ascoltare sé stessa come non aveva mai fatto prima. Nel villaggio in cui viveva, le persone cominciarono a parlare male della giovane, dicendo che non si stava prendendo le sue responsabilità, che aveva lasciato la sua casa, il lavoro e i suoi doveri senza preoccuparsi. In quei pochi giorni di distacco dalla quotidianità, Keyla scrisse molto, ebbe modo di pensare, di progettare delle nuove idee e di capire di cosa aveva bisogno per davvero. Quando tornò, apprese a malincuore ciò che la gente aveva detto di lei senza sapere cosa invece era andata a fare in quel luogo lontano da tutto. Dopo pochi giorni presentò un suo manoscritto in cui descrisse il suo progetto che voleva proporre nella scuola dove insegnava e spiegò che senza quel viaggio e quell’allontanamento dal villaggio non avrebbe potuto ascoltare la sua anima e quindi non avrebbe costruito un programma così efficace come quello che aveva generato in quei giorni. Quando le persone ascoltarono la sua idea furono entusiaste e sopratutto pentite di aver giudicato male la fanciulla e il suo bisogno di fare un viaggio lontano da tutti. Ancora una volta Keyla insegnò qualcosa di importante: prendersi cura di sé stessi e ascoltare i propri bisogni non solo non è segno di egoismo, ma è l’unico modo per prendersi cura degli altri, in modo sano.

Se hai degli obiettivi da raggiungere o semplicemente hai bisogno di un percorso di crescita personale innovativo, che si differenzia da tutti quelli che oggi vengono proposti e seguono una modalità convenzionale, che non è sempre sufficiente, contattami e potrai conoscere un nuovo modo di realizzare i tuoi obiettivi lavorativi, sportivi, personali, scolastici, universitari, migliorando il tuo stile di vita e acquisendo capacità che ti saranno utili in ogni settore e che resteranno tue per sempre, anche una volta concluse le sessioni di neurotraining con il mio metodo.

Fb: Laura Khasiev Neurotrainer – tel 3397868794 – mail: laura.khasiev@live.it

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*