La storia dei rifiuti di Roma
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

SERVIZI SOCIALI PER BERLUSCONI: ASSISTERA’ GLI ANZIANI E I DISABILI

RIFORME: AUT AUT DI BERLUSCONI, SI APRE PARTITA CON RENZI

AF.RF. 09.04.2014 di Giuseppe Licinio

 

 

“riverflash” –  Sono giorni importanti questi per Silvio Berlusconi, giorni in cui verrò decisa la pena da scontare per la sentenza Mediaset che lo ha visto condannato in via definitiva. Secondo il sito di Avvenire, sembra probabile che egli possa trascorrere un giorno a settimana per nove mesi, in una struttura per disabili. La proposta arriva dall’Uepe (Ufficio Esecuzione Penale Esterna), il quale ha inoltrato una relazione al Tribunale di sorveglianza. A decidere quindi, se accogliere l’istanza di affidamento o disporre la detenzione domiciliare ci sarà un collegio composto, oltre che dal Presidente Pasquale Nobile De Santis e dal giudice relatore Beatrice Crosti, da due professori universitari in veste di esperti esterni: si tratta di due ricercatori, uno dell’istituto di diritto penitenziario della Statale di Milano e l’altro di criminologia.

Il collegio deciderà dopo aver ascoltato il parere sostituto pg Antonio Lamanna, quello degli avvocati di Berlusconi, Franco Coppi e Niccolò Ghedini ed eventualmente le dichiarazioni dell’ex capo del Governo (che ancora non sa se sarà presente in aula) e avrà cinque giorni per depositare il provvedimento. Qualora la decisione fosse per l’affidamento ai servizi sociali, con l’ordinanza i giudici, oltre a stabilire il tipo di attività sociale, verranno stabilite una serie di prescrizioni relative alla libertà di movimento e agli orari da rispettare e che Berlusconi sarà costretto a seguire salvo che, non chieda e ottenga, (da decidere di volta in volta), una deroga; quali potrebbero essere obblighi da rispettare? A partire dal divieto  non solo di uscire di casa la sera, ma anche di frequentare determinati posti e soprattutto pregiudicati o tossicodipendenti. Inoltre, essendogli anche stato ritirato il passaporto, il cavaliere non potrà lasciare l’Italia. Se invece si dovesse decidere per gli arresti domiciliari, Berlusconi probabilmente sceglierà di scontare la sua pena ad Arcore.

Nel frattempo, un altro no è arrivato dalla Corte Europea in merito ad una sua possibile candidatura alle Europee e a tale proposito, egli ha annunciato che non rinuncerà affatto ad essere parte attiva della imminente la campagna elettorale in vista delle elezioni europee.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*