Johnny Depp respinge Amber Heard
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

SAN CAMILLO, MANCANO I POSTI LETTO: PAZIENTI RICOVERATI IN SALA OPERATORIA

20150118_saleoperatorie

AG.RF.(MP).28.01.2016

 “riverflash” – Sala operatoria affollata ma non a causa dei interventi chirurgici, bensì per il sovraffollamento di pazienti che l’ospedale San Camillo di Roma non riesce a sistemare ed è quindi costretto a ricoverare in situazioni disagiate. L’ospedale romano ( e non è l’unico), non riesce più a garantire posti letto ai pazienti e così, chi sale dal reparto di Neurochirurgia, per essere operato, rimane “direttamente” in sala operatoria, con la conseguenza che i tempi d’attesa per gli interventi si allungano e l’attività chirurgica si blocca. Il primario della rianimazione del nosocomio romano, Alberto Delitalia, ha spiegato che “si tratta di una scelta obbligata: lasciare i pazienti in sala operatoria, significa proteggerli perché lì, vengono costantemente monitorati con il controllo dei parametri vitali, dalla pressione arteriosa al battito cardiaco”. Ma quanto rimangono i pazienti in sala operatoria? “Almeno 3 o 4 giorni e addirittura molti di essi, ‘assistono’ anche in diretta, a operazioni di altri pazienti”, fino a quando si crea un affollamento esagerato e allora i chirurghi sono costretti a fermarsi. E’ stato riferito che a fine mese, arriveranno 20 nuovi posti letto in rianimazione, mentre i medici si sono attivati, scrivendo alla Regione Lazio, per suggerire di “dirottare” i malati, verso altri centri di Neurochirurgia, specialmente quelli che sono da curare con urgenza: per asportare un tumore cerebrale benigno, si aspetta anche fino a 5 mesi.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*