Johnny Depp respinge Amber Heard
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

ROMA – VERONA 2 A 2: I “BABY” DELLA PRIMAVERA SALVANO MOURINHO DALL’ ENNESIMA SCONFITTA

AG.RF.(redazione).20.02.2022

“riverflash” – Disperazione e vergogna nel primo tempo per una squadra che oltre all’identità, ha perso anche la dignità. La partita del “riscatto”, quella che avrebbe dovuto rappresentare la ripresa di una stagione fallimentare dopo gli ultimi disastrosi risultati, è finita con un pareggio, che salva (al momento) la panchina di Mourinho e “placa” in qualche modo, i tifosi giallorossi. Roma Verona è finita 2 a 2, grazie a Volpato e Bove, i 2 baby della primavera che , con umiltà, hanno dato una lezione di calcio ai titolari inamovibili. E a questo punto non serve nemmeno più la reazione rabbiosa di Josè Mourinho che, mimando il festo del telefono, si è fatto espellere nel finale del match, trattenuto dai suoi collaboratori, mentre tentava di fare ancora peggio. Insomma, un disastro in piena regola, un primo tempo orribile (il peggiore forse di tutta la stagione), uno schiaffo in faccia ai tifosi presenti all’Olimpico, che pieni di entusiasmo, erano accorsi allo stadio per sostenere la propria squadra del cuore. Ma nemmeno il tempo di sedersi sugli spalti, che la Roma va subito sotto con il gol di Barak a seguito di un inizio scoppiettante della squadra di Tudor. Mourinho allarga le braccia mentre i veneti festeggiano giustamente: aggressività, gioco e idee hanno costretto i giallorossi all’ennesima umiliazione dopo appena 5 minuti: con uno schema su punizione, Faraoni impegna Rui Patricio con diagonale e sulla ribattuta Barak velocissimo, insacca in rete. Il mister giallorosso prova a scuotere i suoi ma “l’ allegra brigata”, non reagisce, sembrano piuttosto 11 figurine in campo che non sanno cosa fare e vagano per il campo. Inevitabilmente, arriva così al 20esimo il raddoppio di Tameze a complicare ancora di più la situazione e i padroni di casa si salvano anche da un possibile terzo gol, a causa di una difesa a dir poco imbarazzante. Inizia il secondo tempo, il mister giallorosso deve correre ai ripari e decide quindi di inserire i giovani Zalewski, Volpato e Bove per tentare di raddrizzare la partita. La Roma inizia a spingere con continuità e al 65esimo trova il gol della speranza, grazie a Volpato (classe 2003) che, con un preciso sinistro, batte il portiere Montipò: i giovani danno entusiasmo alla squadra che continua a spingere alla ricerca del pareggio. L’inserimento di Bove ad un quarto d’ora dalla fine porta all’83esimo al pareggio che salva i giallorossi dalla disfatta totale e Mourinho dalla peggiore delle figure, per quanto sia impossibile peggiorare. Il mister giallorosso va via subito evitando di parlare: i volti di Totti e De Rossi, muti in tribuna, dicono tutto: “Se ci fossero stati loro in campo, avremmo vinto sicuramente”, scrivono i tifosi sul web: della partita tra Roma e Verona, rimane ora solo la vergogna di un gruppo sfasato, confuso, senza gioco e senza idee e non può essere certo una scusa, l’assenza di nove titolari: l’unica nota positiva del pomeriggio, è stata la convincente prova dei baby mandati in campo dai quali “i titolari” hanno parecchio da imparare.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*