Johnny Depp respinge Amber Heard
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

ROMA – TORINO 1 A 0 – GOL DI ABRAHAM: LA VITTORIA DEL CORAGGIO E “IL GIALLO” DEL VAR

AG.RF.(redazione).29.11.2021

“riverflash” – Costruita, voluta, cercata a tutti i costi con forza e determinazione: la Roma ieri all’Olimpico, ha battuto il Torino per 1 a 0 con un gol di Abraham. “È la vittoria del gruppo, arrivata con sforzo e sofferenza”, ha commentato Mourinho a fine partita “”Mi aspettavo un altro gol per respirare di più, ma questo successo mi rende felice.  Ho un gruppo fantastico a disposizione, davanti abbiamo tante opzioni. In difesa Smalling è un giocatore top, ho un gruppo fantastico”. E’ vero, quella di ieri è stata la vittoria del gruppo: che non sarebbe stata una partita facile, l’aveva detto in conferenza il mister giallorosso è così è stato, ma la sua squadra ha dimostrato di saper  soffrire senza mai mollare. Per la partita di ieri, assenti ancora Cristante, Veretout e Villar, Mourinho è costretto di nuovo ad utilizzare il modulo 3-5-2 con Diawara al centro, Pellegrini e Mkhitaryan e Zaniolo in avanti a supportare Abraham. Il primo tempo si presenta con poche emozioni, la Roma gioca piuttosto bassa affidandosi alle ripartenza e il Torino controlla. La prima tegola per i giallorossi arriva dall’infortunio di Pellegrini, non il solito ginocchio ma un probabile stiramento alla coscia destra che lo terrà fuori diverse settimane e al suo posto entra Carles Perez.Al 24’ è Pobega a sprecare una grande chance, con una conclusione fuori misura da ottima posizione. Il Torino spinge e la Roma è in difficoltà ma alla prima vera ripartenza (al 32esimo), proprio nel maggior momento di spinta del Torino, i giallorossi compiono il loro capolavoro: Mkhitaryan avvia l’azione verticalizzando per Zaniolo (ieri devastante..) bravissimo a fare un velo in corsa che libera Abraham davanti a Milinkovic-Savic, creando così la più facile delle occasioni per Abraham che non fa alcuna fatica a spingere la palla in porta: è l’1 a 0 che porta in vantaggio i giallorossi, tra il tripudio e i cori dei quasi 50mila presenti all’Olimpico. I padroni di casa prendono così in mano le redini del gioco e dopo 4 minuti arriva il momento/caos: l’arbitro Chiffi assegna un rigore per un netto contatto tra Buongiorno ed El Shaarawy in area granata, Abraham è pronto sul dischetto ma viene richiamato dal Var che per 5 minuti lascia tutti in sospeso per togliere poi il rigore a causa di un fuorigioco millimetrico (un tacchetto della scarpa di Abraham). Mourinho fa un sorriso ironico e sul finire del tempo, il Toro sfiora il pareggio con Lukic. La ripresa inizia con il Toro che domina ancora, così come nel primo tempo e si combatte su ogni azione: è una sofferenza, la Roma prova ad addormentare la partita ma ci riesce solo in parte, rischiando il pari prima con Brekalo e poi con Belotti, ma il risultato non cambia. Il Torino spinge per sfondare la difesa giallorossa, ieri “monumentale” con Smalling, uno dei migliori in campo; a 15 minuti dalla fine, Juric tenta il tutto per tutto mandando il campo contemporaneamente Zaza, Pjaca e Baselli e gli ultimi minuti come spesso accade, sono sempre vietata a deboli di cuore. Ma la Roma c’è, non molla e vuole a tutti i costi la vittoria sudata, voluta, meritata per l’impegno e la grinta mostrata in campo. Al fischio finale Mourinho esulta come un bambino “uno di noi” dicono i tifosi e si porta a casa 3 punti importantissimi che collocano momentaneamente la Roma, a 3 punti dal quarto posto.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*