Modello di Autocertificazione
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

ROMA–SASSUOLO 0 A 0: GIALLOROSSI SFORTUNATI TRA GOL ANNULLATI, MANCATI RIGORI, ESPULSIONI E PALI

AG.RF.(redazione).06.12.2020

“riverflash” – Si può dire senza timore di essere smentiti: La Roma è uscita dall’Olimpico dopo l’attesissima sfida contro il Sassuolo, con un solo punto, ma ne avrebbe meritati tre. E’ stato un pomeriggio piuttosto complicato quello dei giallorossi contro gli emiliani, le aspettative erano altissime tra la seconda squadra in classifica e la Roma che in questo campionato, sta facendo veramente bene. In un campo reso pesante dalla pioggia battente, è successo un po’ di tutto: nonostante l’inferiorità numerica (al ’41) per l’espulsione di Pedro (doppia ammonizione), il gol annullato a Mkhitaryan e il “sacrosanto” rigore (confermato dalle immagini del replay) che l’arbitro Maresca non è andato nemmeno a vedere al Var, i giallorossi ci hanno provato di più a vincere la partita. Nel primo tempo, il Sassuolo ha giocato meglio, quando erano 11 contro 11, ma nella ripresa “si è assopito”, lasciando troppo l’iniziativa alla squadra di Fonseca (a proposito: anche Fonseca è finito in tribuna per proteste..), che si è scatenata nella seconda parte del match, facendo il bello e cattivo tempo e sprecando (questo è un po’ il limite della squadra) tantissime occasioni. Ad onor del vero, anche agli ospiti è stato annullato un gol per fuorigioco di Haraslin. Senza gli infortunati Mancini e Smalling, anche oggi il mister giallorosso ha deciso di dare spazio a Kumbulla e Cristante insieme a Ibanez: a centrocampo  mancavaVeretout: Pellegrini viene mandato in campo dal primo minuto e l’attacco viene affidato al trio delle meraviglie: Pedro, Mkhitaryan e Dzeko. A dare vivacità al match, partito in sordina per il timore di prendere gol, da parte di tutte e due le squadre, ci pensa il solito scatenato Spinazzola, mentre il Sassuolo spinge e ci crede: Karsdorp e Ibanez sbagliano tanti passaggi, mettendo in difficoltà i compagni, ma sul finire del primo tempo, la partita  si complica per i padroni di casa: Kumbulla perde ingenuamente palla in un’azione offensiva, Maxime Lopez riparte velocemente e viene steso a centrocampo da Pedro, che già ammonito viene espulso. Ma non è ancora finita perché il gol del vantaggio di Mkhitaryan, a seguito di un micidiale contropiede, viene annullato dal Var: Fonseca, generalmente calmo, va su tutte le furie e viene espulso. Sembra l’inizio della fine, ma nel secondo tempo la Roma in inferiorità numerica, da il meglio di sé, dominando il Sassuolo, che non riesce più ad uscire dalla sua area. Al 73esimo Dzeko non riesce a sfruttare un’ennesima ripartenza e tira di poco fuori: subito dopo Haraslin segna un gol da 25 metri, ma anche questo viene annullato e la ripresa va avanti così: i padroni di casa continuano a provarci ma senza successo, prima con Mkhitaryan (diagonale di poco a lato) e poi con Dzeko (tiro parato spendidamente da Pegolo). Nel finale Spinazzola reclama un rigore per un “evidente” fallo di mano di Ayhan ma l’arbitro lo ignora. Finisce così 0 a 0 una partita che i padroni di casa avrebbero meritato di vincere, che lascia l’amaro in bocca ma mantiene viva la convinzione dei grandi meriti di questa squadra. Fonseca arrabbiatissimo, a fine partita si è limitato a dire: “Sono orgoglioso della squadra, abbiamo dimostrato carattere, c’era un rigore netto per noi, le immagini parlano chiaro. L’arbitro non ci ha rispettato”. E alle sue parole non c’è altro da aggiungere….

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*