CALCIO: la Serie A 2021-2022
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

ROMA, OSPEDALE FORLANINI: L’UNITA’ DI CURE INTENSIVE NON DECOLLA: ASSOTUTELA SCRIVE A ZINGARETTI

stati-vegetativi

AG.RF.(MP).01.03.2014.(ore 10.54)

 “riverflash” – “Unità di cure intensive del Forlanini: lento avvio verso il declino della struttura. Una vicenda che assume contorni sempre più inquietanti”. A parlare è il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato, che spiega: “Inaugurato in pompa magna nel febbraio 2011dal presidente Napolitano, il centro di cure ad alta intensità per pazienti in stato vegetativo e minima coscienza, ha mostrato fin dall’esordio piccole crepe che ora sono diventate una voragine. La precarietà delle scelte strutturali non è stata mai sanata: medici con contratti a scadenza semestrale, logopedisti con borse di studio, infermieri sotto organico e con rapporti precari di collaborazione: tutti contratti finanziati con fondi non regionali, a fronte di un finanziamento annuale di un milione seicentomila euro già erogato dalla Regione Lazio per l’anno 2011 e per il 2012 e dal promesso finanziamento biennale per lo stesso importo previsto per il 2013/14. Sono aspetti poco chiari. Perché, a fronte di un finanziamento dedicato, la copertura economica delle figure essenziali per il servizio è ricaduta su fondi esterni di cui non è garantita continuità? Sono equilibrismi molto sfruttati, in un’azienda come il San Camillo Forlanini, che fa ampio ricorso a reclutamento di professionalità sulla base di norme privatistiche del codice civile, che finanzia progetti – non sappiamo quanto in linea con la mission aziendale – con fondi del ministero degli Affari Esteri, che usa la più ampia discrezionalità nelle scelte fondamentali per i servizi essenziali. La Regione Lazio, interpellata sul caso, non ha finora dato risposte. A questo punto, sarà la procura della Repubblica di Roma, cui i familiari degli ospiti hanno inviato un esposto, a dover far luce su tutti questi aspetti”.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*