il 20 giugno riparte la Serie A
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

TUFFI: rinviata a giugno la FINA Diving World Cup, il COVID-19 ferma lo sport

di Nicola Marconi (AG.RF 19.03.2020) ore 12:40

(riverflash) – È notizia di oggi  il rinvio della FINA Diving World Cup, l’ultima gara di qualificazione olimpica, che si sarebbe dovuta tenere a Tokyo come test event dal 21 al 26 aprile e che sarà posticipata almeno fino a giugno, con date e luoghi da destinarsi. L’inaugurazione del Tokyo Aquatics Center, prevista per lunedì, è stata rinviata a data da destinarsi e sarà in ogni caso chiusa al pubblico.

L’emergenza epidemiologica del COVID-19 (“coronavirus”) è ormai stata classificata come pandemia, ed è probabile che le misure per arginare la malattia non siano state sempre puntuali e corrette, sia per quanto riguarda i comportamenti in società sia per quanto concerne il campo sportivo. Le varie nazioni, partendo dalla Cina, passando per l’Italia e a cascata fino all’intero mondo occidentale, hanno deciso di bloccare ogni possibile veicolo di contagio, come le scuole, le attività sportive e naturalmente anche le manifestazioni.

 

Per quanto riguarda i tuffi italiani abbiamo visto nelle scorse settimane la Federnuoto annullare prima i Campionati Italiani di Categoria, poi quelli Assoluti e in generale tutte le gare fino a quando non sarà passata la fase più acuta e pericolosa.

In questi giorni TuffiBlog ha costantemente monitorato la situazione internazionale, sia delle squadre nazionali che dei principali eventi sportivi, come le FINA Diving World Series, i FINA Diving Grand Prix e, appunto, la Coppa del Mondo. La FINA ha istituito una task-force per studiare la situazione e prendere le decisioni e le contromisure più adatte, la prima delle quali è stata quella di posticipare in rapida sequenza le prossime tappe delle World Series: la tappa di Kazan’ si disputerà tra settembre e ottobre 2020, mentre quella di Londra sarà tenuta in autunno in una data successiva. Le date precise saranno comunicate dai rispettivi comunicati organizzatori tra qualche settimana.

È invece di ieri il comunicato che annuncia che il FINA Diving Grand Prix di Singapore, previsto per il prossimo giugno, è stato definitivamente cancellato e non sarà rimpiazzato o spostato. A forte rischio anche quello di Windsor (Canada), a maggio, con la federazione canadese che annuncia probabili “variazioni” al formato della gara, mentre quello di Kuala Lumpur (Malaysia) è stato posticipato, con riserva, a novembre, successivamente a quello australiano.

Per quanto riguarda le squadre nazionali, tutte bene o male si stanno adeguando alla decisione presa dalla FIN: sospendere le manifestazioni sportive, lasciando ai team la decisione di continuare o no con gli allenamenti. Stati Uniti, Canada, Germania, Francia, Inghilterra, Malesia e Cina, hanno tutte preso la medesima decisione di chiusura e così i vari club e centri federali, mentre Australia e Nuova Zelanda operano un blocco pressoché totale dei voli in entrata e in uscita.

Restano nel limbo i Giochi Olimpici: le federazioni sportive (tra cui la FINA) continuano a consultarsi con il comitato organizzatore giapponese ed il CIO, ma non è stata ancora presa una decisione ufficiale né in un senso né nell’altro.  Ormai il tempo stringe e ci sono probabilità non trascurabili che le Olimpiadi vengano posticipate, sebbene il CIO abbia tutta l’intenzione di tenerle regolarmente nonostante tutto, anche se a oggi sembra davvero molto difficile: ai Giochi mancano quattro mesi e il Comitato prende tempo nella speranza che la situazione si stabilizzi.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta utilizzando il modulo in fondo. Il trackback non è attualmente abilitato.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*