Stelle Michelin: 3 a Enrico Bartolini
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

NADIA TOFFA È MORTA A 40 ANNI, DOPO UNA STRENUA LOTTA CONTRO IL CANCRO

AG.RF 13.08.2019 (ore 08:47)

(riverflash) – Una battaglia disperata, persa contro il cancro. A 40 anni è morta Nadia Toffa, conduttrice di «Le Iene». Il male, quello cattivo, si era manifestato a Trieste nel dicembre 2017. Non era una forma lieve, a escluderlo fu lei stessa. Da allora la “Iena” ha cominciato imperterrita la sua battaglia contro il tumore, a suon di cicli di radioterapia e chemioterapia. La perdita dei capelli, gli haters, che criticavano la sua “eccessiva” esposizione social, e poi le ricadute, la stanchezza… Nulla sembrava poterla fermare o toglierle il sorriso, quello che mostrava ogni volta nei post pieni di speranza, con i quali teneva costantemente aggiornati i suoi followers, diventando così, per molti malati come lei, un simbolo di forza e tenacia. Purtroppo il cancro non ha una cura per le forme più aggressive. Il fatto che i medici insistano sulla prevenzione significa che, chi arriva in ospedale con un tumore avanzato, ha poche chance di sopravvivere. Fanno eccezione i tumori al seno e alla prostata che guariscono se presi in tempo. Per parlare di battaglia vinta contro il cancro, però, si dovrebbe arrivare come avvenne per la tubercolosi negli anni 50, quando malati conclamati uscirono guariti dai sanatori.

Nadia Toffa era nata a Brescia il 10 giugno 1979, debuttando in TV a 23 anni, nelle emittenti locali Telesanterno e Retebrescia. Poi nel 2009 l’arrivo a Mediaset, quale inviata de «Le Iene». Nel 2014 è uscito il suo libro Quando il gioco si fa duro sul fenomeno dei gamblers, i giocatori d’azzardo compulsivi.

L’ultimo post di Nadia ultimo pubblicato su Instagram risale al primo luglio, prima del peggioramento della malattia. Ad accompagnarlo, come sempre, uno scatto in cui sorride, accanto al suo cagnolino Totò. “Io e Totò unite contro l’afa ! E dalle vostre parti come va? Vi bacio tutti tutti tutti”.

Poi più niente, fino alla terribile notizia di oggi.

 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*