Calendario del Mondiale
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

MIGRANTI, SALVINI: PREVALE LA LINEA DURA – NAVE ACQUARIUS ACCOLTA DALLA SPAGNA

AG.RF.(redazione).12.06.2018

“riverflash” – La nave Acquarius sarà accolta a Valencia. La Spagna dunque, pronta a sostenere l’Italia , facendo in modo che la nave, con circa 600 migranti a bordo, possa attraccare in porto; ad annunciarlo è il primo ministro socialista Pedro Sanchez: “”E’ nostro obbligo aiutare ad evitare una catastrofe umanitaria e offrire un porto sicuro a queste persone”. La decisione è arrivata dopo il pressing di Onu e Ue affinché le ragioni umanitarie prevalgano sulle tattiche politiche: “C’è una Ong tedesca che batte bandiera olandese che subirà la stessa garbata reazione da parte del governo italiano”, ha dichiarato Matteo Salvini,  vicepremier e ministro degli Interni. “Questo è un incredibile successo”, ha aggiunto il leader della Lega, al termine del vertice a Palazzo Chigi. Anche il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli, uscendo da Palazzo Chigi ha voluto commentare: “La Spagna con un grande atto di responsabilità si prenderà carico di questi primi 629 migranti: speriamo che lo facciano anche altri, chiediamo solidarietà internazionale e facciamo un appello a tutti affinchè agiscano velocemente, affinché altri Paesi dopo la Spagna aprano i porti”. Il premier Giuseppe Conte da Accumoli ha detto: “Avevamo chiesto un gesto di solidarietà da parte dell’Ue su questa emergenza, non posso che ringraziare le autorità spagnole per aver raccolto l’invito” ed ha spiegato che la decisione della Spagna “va nella direzione della solidarietà”. Il vertice a palazzo Chigi convocato questa mattina sul caso Aquarius, nonostante la Spagna abbia deciso di accogliere la nave, è confermato. “Evidentemente alzare la voce, cosa che Italia non faceva da anni, paga”, ha aggiunto Salvini, sottolineando anche:  “sulla vicenda della Aquarius il governo è rimasto sempre compatto, smentendo chi voleva trovare spaccature tra Lega e Cinquestelle. Con la vicenda della nave Aquarius, abbiamo aperto un fronte a Bruxelles, con il ministro Moavero stiamo contattando la Commissione Europea perché adempia ai doveri nei confronti dell’Italia che non sono mai stati rispettati”. “L’Italia non è più governata da chi dell’immigrazione ha fatto un business (e ha fatto un favore a tutti gli altri Stati), e sta dicendo legittimamente che l’immigrazione verso l’Europa va gestita in modo congiunto da tutti i Paesi Europei. L’Italia non può più essere il campo profughi di tutta Europa e non può essere lasciata sola a gestire un fenomeno globale: questo per il bene dei migranti e dei cittadini italiani”. A scrivere sul blog dei 5Stelle, è Ignazio Corrao, che aggiunge: “Intorno alla vicenda della nave Aquarius bisogna ragionare sui fatti prima di essere travolti dall’onda emotiva generata della pressione mediatica. L’Italia ha semplicemente deciso di fare quello che fanno da sempre tutte gli altri Stati europei: la Francia chiude i porti e anche i movimenti secondari all’interno dell’UE quando vuole, la Spagna fa politiche di respingimento sistematico, Malta anche in questo caso non si fa problemi a dire ‘no, grazie’ (ha la capacità di scomparire dalle carte geografiche quando vuole) e in generale gli Stati Europei non vogliono sentire parlare di sbarchi di migranti nei loro Paesi”.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*