il 20 giugno riparte la Serie A
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Lo stato russo ha rinunciato alla maggioranza in Rosneft in Venezuela

AG.RF 31.03.2020

(riverflash) – Lo stato russo ha ridotto la propria partecipazione nel colosso petrolifero Rosneft al di sotto di una quota di maggioranza nell’ambito del suo accordo per acquistare le attività venezuelane del gruppo. Ciò limiterà il rischio di nuove sanzioni statunitensi a Rosneft, che pompa 4,7 milioni di barili di petrolio al giorno, in un momento in cui gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita stanno prendendo in considerazione tagli congiunti alla fornitura di petrolio e non vorranno che Mosca aumenti la produzione.

Rosneft, il più grande produttore di petrolio della Russia, ha dichiarato sabato di aver venduto tutti i suoi beni in Venezuela a una società anonima di proprietà del governo russo.

Il gruppo ha dichiarato che avrebbe ricevuto in cambio un pagamento pari al 9,6% del capitale azionario di Rosneft, che sarebbe detenuto da una controllata. Non ha detto chi fosse il venditore di quella quota societaria.

Prima dell’accordo, la Russia, tramite la holding statale Rosneftegaz, possedeva poco più del 50% del capitale di Rosneft controllato dal Cremlino.

Altri azionisti di Rosneft includono BP, che detiene una partecipazione del 19,75%, e la Qatar Investment Authority (QIA), tramite QH Oil Investments LLC, che ne detiene un altro 18,93%.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*