CALCIO: la Serie A 2021-2022
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

L’ITALIANO RAZZISTA È UN FRULLATO CHE ODIA I FRUTTI CHE LO COMPONGONO

razzistidi Giulio Ranzanici (AG.RF 20.09.2014) ore 21:18

(riverflash) – Nel sangue degli italiani scorre il sangue delle seguenti etnie e popolazioni:
Etruschi, Liguri, Euganei, Reti, Camuni, Elimi, Sicani, Sardi (divisi in Iolei e Balari, Corsi, Latini (compresi i Falisci), Capenati, Siculi, Ausoni-Aurunci, Opici, Enotri, Itali, Sabini, Piceni, Umbri, Sanniti (Carricini, Pentri, Caudini e Irpini), Osci, Lucani (tra i quali gli Ursentini), Bruzi, Sabelli adriatici (Marsi, Peligni, Marrucini, Frentani, Pretuzi, Vestini, Sabelli tirrenici (Ernici, Equi, Volsci), Illirici Iapigi o Apuli (suddivisi in Messapi, Peucezi e Dauni), Veneti (probabilmente affini ai Protolatini, quindi Italici), Rutuli (anch’essi di origine ignota), Celti (Boi, Cenomani, Senoni, Orobi, Leponti, Carni, Italioti, Sicelioti, Antichi Romani, Goti, Vandali, Sarmati, Ostrogoti, Franchi, Alani, Normanni, Bizantini, Longobardi, Arabi, Germanici, Francesi, Spagnoli, Austriaci, e persino Americani (fine della Seconda Guerra Mondiale).
Ora la domanda è: come può un italiano essere razzista se non – per coerenza – odiando segregando emarginando insultando picchiando anche se stesso, i genitori, i figli, tutti quanti intrisi di sangue per esempio arabo?
Signori razzisti, il genio degli italiani, la nostra straordinaria creatività viene (o ahimè veniva) proprio da lì, dal nostro sangue misto: accogliamo con gratitudine chi ce l’ha fornito.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*