il decesso di Morricone a 91 anni
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

LIBERATA SILVIA ROMANO LA VOLONTARIA RAPITA IN KENIA UN ANNO E MEZZO FA’

AG.RF.(redazione).10.05.2020

“riverflash” – L’annuncio è stato dato dal premier Conte su twitter: Silvia Romano la volontaria 25enne rapita in Kenya un anno e mezzo fa, è stata liberata e sta rientrando in Italia . Sono stati i servizi dell’intelligence italiani a restituirle la libertà: al momento la giovane si trova al sicuro a Mogadiscio, queste le sue prime parole: “ Sono stata forte, ho resistito, non vedo l’ora di tornare in Italia”. L’Arrivo è previsto per le ore 14 a Ciampino. L’operazione che ha portato alla liberazione della volontaria è avvenuta in una zona in condizioni estreme a causa delle alluvioni che nei giorni scorsi si erano abbattute sul Paese. Nel frattempo la procura di Roma ha avviato un’indagine per rapimento a scopo di terrorismo. Nei prossimi giorni i pm, nel rispetto delle norme anti Covid (che prevedono il distanziamento e l’uso di dispositivi di protezione) incontreranno la ragazza. L’operazione dell’Aise che ha portato alla liberazione di Silvia Romano, è stata condotta in collaborazione con i servizi turchi e somali. La giovane cooperante milanese era stata rapita il 20 novembre 2018 nel villaggio di Chakama, a 80 chilometri dalla capitale Nairobi, mentre lavorava per la onlus marchigiana “Africa Milele”. Fu prelevata con forza da un gruppo di uomini armati di fucili e machete. Tre dei responsabili del blitz erano stati arrestati e dalle indagini, portate avanti in Italia dalla Procura di Roma, si era ipotizzato  che la ragazza fosse stata trasferita in Somalia subito dopo il sequestro: un trasferimento lampo organizzato da un gruppo islamista legato ad Al-Shabaab che aveva fornito alla banda di criminali comuni kenyoti, autori materiali del sequestro, denaro e mezzi. Queste informazioni erano un anno emerse dopo il sequestro, nel novembre scorso, poi da quel momento non si era saputo più nulla, fino al lieto fine annunciato ieri.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*