Olimpiadi di Tokyo 2020 rinviate
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

LE ICONE RUSSE DEGLI ANNI 90 IN MOSTRA ALL’ETAGI DI SAN PIETROBURGO

b69fc6a0aa9d1a9bbe8df5d33302d704

Di Maria Michela D’Alessandro (AG.RF. 25.01.2016) (river flash) – Nel centro di San Pietroburgo, vicino alla stazione della metropolitana Ploschad Vostannya, è difficile che il “Loft project ETAGI” resti inosservato: uno spazio multifunzionale dedicato all’arte esteso in cinque piani, due gallerie di arte contemporanea e quattro aree adibite per esposizioni. Un tempo un forno artigianale, Etagi è l’unico spazio della città dove l’arte contemporanea è esposta nei suoi tremila metri quadrati, caratteristica che lo rende unico.

Nello spazio espositivo al quinto piano sono le foto di quaranta artisti russi a fare da padrone con la mostra “Icon’s of 90’s”, che rimarrà aperta al pubblico fino al 20 marzo 2016. Dopo il successo della mostra “Icons of 1960-1980’s” e l’interesse di spazi come l’ETAGI, ma anche di musei russi, “Il Centro di Fotografia Fratelli Lumiere” di Mosca si è dedicato anche a questo progetto.

È così che le icone degli anni ‘90 fotografate non sono altro che la rappresentazione di tutto ciò che in quegli anni appariva per la prima volta: dai primi enormi telefoni cellulari ai primi canali TV commerciali, passando per i video musicali. Più di trecento lavori di quaranta fotografi russi selezionati tra gli archivi di Mosca e di San Pietroburgo. Negli scatti sono immortalati i personaggi della politica, della cultura, della scienza, dello sport e del business che hanno saputo lasciare un segno distintivo nel destino del Paese.

Grazie alla mostra è possibile anche ripercorrere la storia della fotografia metropolitana russa: è in questi anni infatti che nasce un nuovo modo di fotografare dovuto soprattutto all’emergere di una stampa “libera” e di un nuovo fotogiornalismo, anch’esso più libero e accurato.

Una foto all’interno di un libro di Helmut Newton, all’inizio dell’esposizione, apre decisamente le porte al mondo delle icone al quale il fotografo tedesco ha dedicato la sua carriera e vita.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*