Olimpiadi di Tokyo 2020 rinviate
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

L’AFGHANISTAN E LA CIA: LE FONTI SEGRETE DELL’ EROINA

AG.RF.(Claudio Peretti).28.02.2020

“riverflash” -Un nostro lettore ci ha raccontato questa storia (vera), che pubblichiamo volentieri.

L’invasione dell’Afghanistan da parte degli Stati Uniti fu una guerra di eroina come le due guerre di eroina britanniche nel XIX secolo. I talebani ne avevano chiuso il commercio, ma non appena le truppe statunitensi entrarono, fu riaperto.

Il 93% dell’eroina mondiale è coltivata lì e gli Stati Uniti non cederanno mai questo asset strategico. Il defunto e onorato Dr. Franz Pick, l’ex braccio destro del barone Eduard de Rothschild, ha identificato il mercato di eroina e droga al 10% del PIL degli Stati Uniti, pari a circa due trilioni di dollari.  Si avvicina anche al 10% del PIL mondiale o 8.8 trilioni di dollari ed è il più grande e più redditizio business del mondo, secondo il buon medico. Questo è coperto da uno sforzo per circondare la Russia e la Cina, inserendo l’Afghanistan nell’alleanza di Pisudzo dell’Asia centrale “Miedzymorze”, o “Intermarium”, come stanno cercando di fare con la Polonia.

La CIA sarebbe autorizzata a fare affari nelle aree controllate dai talebani. È un anatema ancora più disgustoso. Tutti coloro che hanno familiarità con l’Afghanistan dopo l’11 settembre sanno che la ragione principale per il business della CIA è il mercato nero dell’eroina, che finanzia le operazioni segrete di Langley.

In pratica, l’amministrazione Trump vuole che i cinque “alleati” dell’Asia centrale scommettano su progetti di integrazione come il progetto di elettricità CASA-1000 e il corridoio commerciale di Lapislazzuli, che è in realtà un riavvio dell’Antica Via della Seta, collegando l’Afghanistan, Turkmenistan, Azerbaigian e Georgia prima di attraversare il Mar Nero verso la Turchia e poi fino all’Unione Europea.

Il Golfo Persico ospita una serie di segreti estremamente compromettenti. Al top c’è il nascondiglio di eroina afghana – con gli Emirati Arabi Uniti (UAE) posizionati nel punto focale di un’operazione transnazionale di riciclaggio di denaro da trilioni di dollari per l’eroina.

In questa guerra dell’oppio del XXI secolo, le colture di papaveri dell’Afghanistan alimentano essenzialmente il mercato dell’eroina non solo in Russia e Iran, ma soprattutto negli Stati Uniti.

Il 93% dell’oppio mondiale proviene dall’Afghanistan.

Contrariamente alla percezione occidentale predominante, questa non è un’operazione talebana afghana. Le domande chiave – mai poste dagli ambienti atlantici – sono: chi compra i raccolti dell’oppio; chi li raffina in eroina; chi controlla le vie di esportazione; per poi venderli con un gigantesco profitto (rispetto a ciò che i talebani hanno imposto localmente di pagare come tasse pagate in oppio)?

La narrazione egemonica ed ipocrita sta nel fatto che Washington bombardò l’Afghanistan nel 2001 per “autodifesa” dopo l’11 settembre; installando un governo “democratico” (che dopo 19 anni non se ne è ancora andato) perché questa regione è un nodo chiave nella guerra globale al terrorismo (GWOT), contro al-Qaeda e i talebani allo stesso modo.

Washington ha speso oltre 100 miliardi di dollari nella ricostruzione afghana. E, presumibilmente, 8,4 miliardi di dollari in “programmi di lotta alla droga”. L’operazione Enduring Freedom, insieme alla “liberazione” dell’Iraq, è costata diversi trilioni di dollari. E tutt’ora prospera la via segreta dell’eroina, al di fuori dall’Afghanistan occupato: a chi giova?

Fumatevi un sigaro…

Un’esaustiva indagine ONU sull’oppio dell’Afghanistan descrive in dettaglio il costante aumento della produzione di oppio afghano e l’espansione delle aree di produzione; “Nel 2016, la produzione di oppio è aumentata di circa 25 volte rispetto ai livelli del 2001, passando da 185 tonnellate nel 2001 a 4800 tonnellate nel 2016.”

Un’altra relazione esaustiva pubblicata col delizioso acronimo SIGAR (Special Inspector General for Afghanistan Reconstruction) suggerisce addirittura – discretamente – la connessione cruciale, ossia che l’Operazione Enduring Freedom alimenta il rifornimento americano di eroina.

L’Afghanistan è infestato dagli appaltatori; i numeri variano da 10.000 a varie decine di migliaia. I militari e gli ex militari possono essere ragionevolmente individuati come attori sulla linea dell’eroina – in molti casi per profitto personale. Ma l’argomento decisivo riguarda il finanziamento di operazioni di informazione oscura degli Stati Uniti, che non dovrebbero in alcun modo cadere sotto esame da parte del Congresso degli Stati Uniti.

Una fonte di informazioni con base nel Golfo, con una vasta esperienza su tutto quello che il Pentagono definisce “arco di instabilità”, racconta la storia della sua interazione con un agente segreto australiano, che ha servito in Afghanistan: “Si trattava del 2011 circa. Ha detto di aver fornito all’intelligence dell’esercito americano e alla CIA rapporti sul commercio di eroina afghano – che i convogli militari statunitensi provenienti dai porti del Pakistan venivano utilizzati per spedire l’eroina dall’Afghanistan – gran parte era oppio grezzo – per la distribuzione nel resto del mondo, caricandolo sui cargo di ritorno, che sarebbero tornati vuoti.

Nessuno rispose.

Durante un meeting ha poi preoccupato i principali operatori di intelligence dell’esercito e della CIA e ha chiesto perché non fosse stata intrapresa alcuna azione. La risposta è stata che l’obiettivo degli Stati Uniti era conquistare i cuori e le menti della popolazione e dare loro i papaveri da coltivare per conquistare i loro cuori. In seguito a questo fu avvertito che, se avesse sollevato di nuovo questo problema, sarebbe tornato in Australia in una sacca per cadaveri.”

La fonte è certa.

“Le operazioni esterne della CIA sono finanziate da questi profitti. L’accusa che i talebani stessero usando il commercio di eroina per finanziare le loro operazioni era un’invenzione e una forma di depistaggio.”

E questo ci porta al motivo chiave per cui il presidente Trump sta andando contro il suo istinto e accettando una nuova missione afghana per i suoi soldati:

“Nella tradizione delle guerre di oppio della perfida Albione (Inghilterra) nel XIX secolo, l’oppio veniva usato per pagare il tè e la seta dall’India e dalla Cina, e le tasse su queste importazioni di seta e tè finanziarono la costruzione della potente marina britannica che governava i mari. La CIA si è costituita in maniera ancora più potente, basandosi sul commercio da trilioni di dollari dell’eroina. È impossibile per Trump superarla, perché non ha alleati su cui contare. I militari stanno lavorando insieme alla CIA, e quindi gli ufficiali consulenti di Trump sono inutili per risolvere questo problema.”

Niente di tutto questo si discosta dal modus operandi della CIA.

Gli esempi passati abbondano. Il più noto riguarda il Triangolo d’Oro durante la guerra del Vietnam, quando la CIA ha imposto uno scambio di cibo con oppio ai membri della tribù Hmong del Laos – completato con una raffineria di eroina presso il quartier generale della CIA nel Laos settentrionale e l’allestimento del nefasto “Air America” per esportare l’oppio.

L’intera storia è stata smascherata dalla conferenza del professor Alfred McCoy “La Politica dell’Eroina nel sud-est asiatico” – che ha fatto impazzire la CIA a Langley.

Un’altra denuncia contemporanea è scritta in un recente libro del giornalista Enrico Piovesana, che descrive la nuova guerra dell’oppio in Afghanistan.

Il ritorno di Air America.

Una fonte di informazioni pakistana con vasti contatti nell’area tribale dei Pashtun, approfondisce un argomento ancora più incendiario: “Secondo le nostre migliori informazioni, la CIA ha usato i suoi mezzi portando al-Qaeda-Daesh in Afghanistan per giustificare l’aumento di truppe americane “. Questo sarebbe ben legato col fatto che Trump è messo alle strette dai suoi generali.

E poi, c’è Mosca. Tempo fa, il ministero degli Esteri russo ha giustamente denunciato il fatto che “combattenti stranieri”, trasferiti con “elicotteri sconosciuti”, sono stati autori di un massacro degli Sciiti di Hazara  in una provincia settentrionale dell’Afghanistan: “Sembra che il comando delle forze NATO che controllano il cielo afghano, si rifiuti ostinatamente di notare questi incidenti.”

Non potrebbe essere più grave di così: Mosca denuncia che alcuni settori delle forze armate afghane, addestrate dagli Stati Uniti fianco a fianco con la NATO, sono impegnate in operazioni segrete a sostegno dei jihadisti.  Il servizio di informazioni russo ha accennato, con discrezione, per un bel po’ di tempo che i servizi segreti statunitensi sponsorizzano segretamente Daesh – ossia “ISIS Khorasan” – in Afghanistan.

I servizi segreti russi sono consapevoli del capitolo afghano del Nuovo Grande Gioco. I cittadini russi sono “danni collaterali” dell’eroina afghana tanto quanto gli americani. Il Ministero degli Esteri russo sta monitorando come tonnellate di sostanze chimiche vengono importate illegalmente in Afghanistan, tra gli altri, da “Italia, Francia e Paesi Bassi”, e come gli Stati Uniti e la NATO non stiano facendo assolutamente nulla per contenere il traffico di eroina.

Beh, Air America, dopo tutto, non è mai morta. Si è appena trasferita dalle giungle del sud-est asiatico all’incrocio arido dell’Asia centrale e meridionale.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*