il decesso di Morricone a 91 anni
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

LA ROMA IN CASA DEL BAYERN “SENZA PAURA”

C_29_articolo_1050474_upiImgPrincipaleOriz

AG.RF.(MP).04.11.2014

“riverflash” – Si sono presentati insieme a sorpresa, Pjanic e Keita (che hanno parlato prima di Garcia) nella consueta conferenza stampa prima della partita che la Roma disputerà domani a Monaco contro il Bayern. Subito, la prima domanda rivolta al centrocampista bosniaco è stata ovviamente quella relativa al “possibile” atteggiamento che terrà domani la Roma in campo. “Ci vorrà coraggio e noi siamo determinati e fortemente motivati a cancellare i 7 gol presi in casa, con un atteggiamento totalmente diverso, pur essendo consapevoli di giocare contro la squadra più forte d’Europa, che ha tanta qualità e tanti campioni, ma noi vogliamo credere di nuovo nella nostra forza e dimostrare che non c’è tutta quella differenza di reti tra noi e il Bayern”. Di questo ne è convinto anche Guardiola, il quale ha avuto parole di stima verso la Roma, sottolineando quanto di buono ha fatto in quest’ultimo anno e mezzo: “ i risultati ottenuti non si cancellano”. Parole rafforzate anche da Keita, il quale ha parlato del suo ex allenatore Guardiola, in termini molto affettuosi, ringraziandolo per tutto ciò che è riuscito a trasmettergli: “è uno dei migliori allenatori…”.  Pjanic ha poi spiegato il suo momento, rispondendo ad alcune voci che hanno parlato di lui come di un giocatore “stanco e al momento poco incisivo” , spiegando che “occorre solo ritrovare la consapevolezza della nostra forza: sappiamo che dovremo affrontare una partita difficilissima, ma ce la metteremo tutta e vi garantisco che il nostro atteggiamento sarà totalmente diverso; per questo scenderemo in campo senza paura, per dimostrare che l’1 a 7 è stato solo un incidente”. E questo è anche ciò che pensa mister Garcia: “riscattare la prestazione dell’andata, cambiando il contenuto”, perché, “per quanto riguarda il risultato, sappiamo che c’è 1 possibilità su 10 di vincere sul quel campo, dove tra l’altro nessuno è riuscito a nemmeno a pareggiare, ma per noi conta il contenuto e quindi l’atteggiamento in campo domani, dovrà essere diverso”. Ma sarà difficilissimo fermare uno come Robben….  E quindi cambierete modulo? “Sarà difficile non solo fermare Robben, ma anche gli altri: nel Bayern ci sono 6 giocatori candidati al pallone d’oro…. Questo vorrà pur dire qualcosa….Tuttavia non cambieremo modulo, perché noi abbiamo un’identità che non intendiamo stravolgerla…..In ogni caso la partita di domani non sarà quella decisiva per il prosieguo del cammino della Roma in Champions: saranno invece fondamentali, la partita contro il Cska a Mosca e quella in casa contro il Manchester”. Garcia ha parlato poi dei numerosi infortuni che stanno affliggendo la Roma e che ne hanno inevitabilmente condizionato il percorso: “dopo la sosta per la nazionale, dovrebbero rientrare giocatori importanti e sono sicuro che tutto tornerà come prima”. Nessun problema dunque, la Roma è sempre la stessa? “Sicuramente, siamo secondi in campionato e secondi nel girone di Champions, questi sono due buoni risultati”. Infine è arrivata la domanda un po’ “insidiosa”, riferita alle parole dette da Benatia, che pochi minuti prima, in conferenza stampa ha lasciato intendere che non sarebbe possibile un paragone tra Guardiola e Garcia perché “Guardiola è molto forte, ha vinto tutto ed è uno dei più bravi allenatori al mondo….”. “E’vero, ha ragione Benatia – ha risposto Garcia in modo pacato – ha vinto tanto ed è il più forte di tutti….”.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*