Il mistero delle ossa in Nunziatura
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

La Nazionale italiana torna in campo contro l’Ucraina a Genova

<> at Stadio Luigi Ferraris on October 9, 2018 in Genoa, Italy.

AG.RF 10.10.2018 (ore 13:27)

(riverflash) – L’Italia del calcio ha bisogno di vincere dopo l’esclusione dal Mondiale e la deludente trasferta in Portogallo dello scorso settembre. Poco importa se questa sera a Genova sarà gara amichevole contro l’Ucraina perché vincere rialza il morale. Allo stadio «Luigi Ferraris» l’Italia andrà a caccia della prima vittoria stagionale per regalare un po’ di gioia alla popolazione genovese dopo la tragedia del ponte Morandi e per regalarsi un’iniezione di fiducia in vista della trasferta di Chorzow terzo incontro nella neonata Nations League in programma domenica 14 ottobre contro la Polonia.

Agli infortuni di D’Ambrosio, Romagnoli, Belotti, Cutrone e Zaza fa da contraltare l’ottimo stato di forma mostrato in campionato da alcuni Azzurri, come ha dichiarato Mancini: “Insigne nelle ultime partite ha cambiato ruolo e continua ad essere un giocatore importante, Bernardeschi continua a migliorare”.

Convocato in extremis Lasagna dell’Udinese, ma sarà utile in Polonia perché non ha avuto il tempo di acclimatarsi in azzurro.

In conferenza stampa Mancini ha affermato: “Come ho detto l’altro giorno ci saranno giocatori che faranno due partite avendo una condizione migliore rispetto a settembre. Se giocheremo con il 4-2-3-1? Sicuramente ci sarà un tridente”. Il Ct non si sbilancia sulla formazione, annuncia la presenza tra i pali di Donnarumma e saluta con gioia il ritorno di Verratti: “Spero che riesca a dare l’apporto che può dare un giocatore con le sue qualità e la sua esperienza”.

Una delle novità è Cristiano Piccini, classe 1992, cresciuto nelle giovanili della Fiorentina e adesso in Spagna, al Valencia, dopo un passaggio portoghese allo Sporting Lisbona. Altro deb il romano Gianluca Caprari, attaccante della Sampdoria, che potrebbe dunque vestire per la prima volta la maglia azzurra proprio nel suo stadio. Ritorni eccellenti quelli del laziale Francesco Acerbi che non veniva convocato da marzo 2016 e Sebastian Giovinco, che in nazionale manca addirittura dall’ottobre del 2015.

In sala stampa seduti accanto al Ct ci sono Domenico Criscito e Gianluca Caprari, un ‘genoano’ e un ‘sampdoriano’ uniti dalla maglia azzurra e dal desiderio di regalare alla città una bella serata ci calcio: “È importante giocare qui a Genova – ripetono in coro – e dare una gioia alle persone che hanno perso dei loro cari. Speriamo di poter regalare loro una gioia per loro”.

I numeri di maglia degli Azzurri per l’amichevole con l’Ucraina

Portieri: 22 Gianluigi Donnarumma (Milan), 1 Salvatore Sirigu (Torino);
Difensori: 26 Francesco Acerbi (Lazio), 15 Cristiano Biraghi (Fiorentina), 19 Leonardo Bonucci (Juventus), 3 Giorgio Chiellini (Juventus), 4 Domenico Criscito (Genoa), 13 Emerson Palmieri Dos Santos (Chelsea), 24 Alessandro Florenzi (Roma), 2 Cristiano Piccini (Valencia), 27 Lorenzo Tonelli (Sampdoria);
Centrocampisti: 23 Nicolò Barella (Cagliari), 20 Federico Bernardeschi (Juventus), 5 Giacomo Bonaventura (Milan), 18 Roberto Gagliardini (Inter), 14 Frello Filho Jorge Luiz Jorginho (Chelsea), 7 Lorenzo Pellegrini (Roma), 6 Marco Verratti (Paris Saint Germain);
Attaccanti: 11 Domenico Berardi (Sassuolo), 9 Gianluca Caprari (Sampdoria), 25 Federico Chiesa (Fiorentina), 21 Sebastian Giovinco (Toronto FC), 17 Ciro Immobile (Lazio), 10 Lorenzo Insigne (Napoli).

 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*