il decesso di Morricone a 91 anni
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

LA DANIMARCA BEFFA GLI AZZURRINI NELL’AMICHEVOLE DI MATERA

Italy U21 v Denmark U21 - International FriendlyAG.RF 18.11.2014 (ore 00:13)

(riverflash) – L’Italia Under 21 crea molte occasioni per passare nell’amichevole di Matera, ma non riesce a portarsi in vantaggio e nel finale viene trafitta dalla Danimarca. Dal momento che non c’era nulla in palio oltre al risultato, indicazioni positive per mister Di Biagio che ha apprezzato la continuità nel proporre gioco, schiacciando il centrocampo avversario. Una sconfitta ingiusta, un pubblico da dieci e lode, due squadre che hanno dato vita ad un’amichevole combattuta, con l’Italia che avrebbe meritato la vittoria ai punti e punita beffardamente nel finale da un gol del gigante danese Brock Madsen. Allo stadio «XXI Settembre-Franco Salerno» di Matera, tutto esaurito e dipinto a festa per accogliere la Nazionale Under 21, gli Azzurrini hanno sfiorato in almeno tre occasioni il vantaggio, uscendo alla fine sconfitti dal campo in un match che non metteva in palio punti e che ha fornito comunque a Gigi Di Biagio le risposte che cercava a sette mesi dall’Europeo.
Chiedeva intensità di gioco per novanta minuti il tecnico azzurro, accontentato dai suoi ragazzi in una gara spigolosa, contro una Danimarca che ha nella fisicità uno dei suoi punti di forza. E nessuno ha tirato indietro la gamba, con le due squadre a pressare alto sin dai primi minuti e l’arbitro Millot costretto a interrompere spesso il gioco e sin troppo parsimonioso nella distribuzione dei cartellini.
Spinta dall’entusiasmo del pubblico di casa, esibitosi anche in un’interminabile ‘Ola’, la Nazionale ha mostrato i muscoli e qualche lampo di classe, con Longo e Belotti a sgomitare in avanti nel 4-4-2 disegnato da Di Biagio e Berardi alla ricerca del guizzo giusto. Le migliori occasioni del primo tempo sono capitate proprio sui piedi dell’attaccante del Sassuolo, che al 10’ ha sfiorato il palo con una potente conclusione dalla distanza, vedendosi poi negare la gioia del gol a due minuti dall’intervallo da Busk Jensen, bravo a deviare in angolo un sinistro ravvicinato. L’Italia è riuscita a contenere senza troppi problemi la Danimarca, che ha comunque confermato di essere un’ottima squadra, con buone individualità (Knudsen, Okore, Falk) e non a caso qualificata tra le otto finaliste dell’Europeo in Repubblica Ceca.
Se Bardi è stato praticamente inoperoso, il suo collega danese Busk Jensen è salito in cattedra nella ripresa, salvando il risultato prima su Longo e poi sul neo entrato Trotta. Il calcio insegna che dal gol sfiorato al gol subito il passo è breve e la conferma è arrivata al 37’, quando Brock Madsen, approfittando di un liscio di Antei, si è infilato tra Goldaniga e Bianchetti e con un diagonale rasoterra ha battuto Bardi. Nel finale spazio anche a Federico Bonazzoli, che a 17 anni e 6 mesi è diventato il più giovane esordiente nella storia dell’Under 21.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*