CALCIO: la Serie A 2021-2022
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

LA COSTRUZIONE E (LA DISTRUZIONE) DEL GRANDE RESET

AG.RF.(Claudio Peretti).07.12.2021

“riverflash” – Se non riesci a vedere tutto lo scenario di un crimine, non stai vedendo il crimine, stai vedendo gli effetti sensazionali, tutto qui.

Ci sono persone che vogliono che la propria mente assomigli esattamente al mondo. Vogliono che le loro menti sembrino fotografie del mondo e siano con esso perfettamente allineate. Questo è ciò per cui vivono. L’idea che possano inventare qualcosa di diverso è così terrificante che optano invece per il mondo così com’è.

Questo è ciò che ha divertito i surrealisti. Hanno iniziato a capovolgere le cose. Stavano reagendo agli umani che si erano trasformati non solo in robot, ma nelle telecamere dei robot.

Lo stato di sorveglianza è una telecamera robotica. Cattura tutto, basandosi sulla premessa che ciò che non è Normale è pericoloso.

I cartelli del mondo diventano i cartelli della mente.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, il Council on Foreign Relations iniziò a fare piani per il mondo del dopoguerra.

La domanda che si poneva era questa: l’America potrebbe esistere come nazione autosufficiente o dovrebbe uscire dai suoi confini per procurarsi le risorse vitali?

Com’era prevedibile, la risposta fu: impero – imperialistico.

Gli Stati Uniti non hanno solo bisogno di ottenere risorse naturali all’estero, ma avrebbero dovuto intraprendere conquiste senza fine per garantire un accesso continuo.

Il CFR, ovviamente, non era solo un think tank. Era collegato ai più alti livelli del governo degli Stati Uniti, attraverso il Dipartimento di Stato. Un fronte per gli interessi dei Rockefeller, che, in realtà, era al di sopra del governo.

Dietro tutte le sue macchinazioni c’era la presunzione che le società pianificate fossero il futuro del pianeta. Attenzione: non società aperte.

Attraverso guerre, operazioni clandestine, legislazione, trattati, manipolazione del debito delle nazioni, controllo di banche e riserve di denaro, i paesi avrebbero potuto essere trasformati in “unità gestite” — e poi, con la cancellazione dei confini, combinati in regioni.

Sempre più le popolazioni dei paesi sarebbero state regolamentate e dirette e tenute in schiavitù dallo Stato Americano.

E l’individuo? Avrebbe seguito la strada di altre specie estinte.

Per diversi decenni, la pseudo-disciplina chiamata “scienza sociale” ha prodotto risme di studi e relazioni su tribù, gruppi sociali e cosiddette classi di persone. Ma nessun rapporto su “The Individual”.

Profondamente radicati nelle scienze sociali erano gli specialisti della guerra psicologica che, dopo la seconda guerra mondiale, emersero con un nuovo status accademico e un nuovo campo di studio: le comunicazioni di massa.

Il loro obiettivo? La diffusione di messaggi che, in accordo con gli obiettivi politici, provocherebbero ostilità o la pacifica accettazione nelle masse.

Ostilità incanalata a sostegno di nuove guerre; accettazione di un maggiore controllo interno del governo.

Da nessuna parte in queste formule l’individuo era considerato e protetto. Era considerato un jolly, una mina vagante, e aveva bisogno di essere umiliato, reso un estraneo e caratterizzato come un criminale che si opponeva ai bisogni collettivi.

Collettivo = menti/robot connessi in un’unica mente.

Col passare degli anni e dei decenni, questa nozione del collettivo e delle sue esigenze, in una “civiltà umana”, si è ampliata. Non importa che, fuori dalla vista, i ricchi diventassero sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Questo fatto è stato minimizzato e la storia di copertina – “condividi e prenditi cura” – ha preso il centro della scena.

Ad ogni livello della società, le persone sono state spinte a pensare a sé stesse come parte di un gruppo più grande. L’individuo e le sue speranze, i suoi sogni unici, i suoi desideri e le sue energie, la sua determinazione e forza di volontà… tutto questo è stato ritratto come reliquia di un passato irrealizzabile e illusorio.

In molti casi, pionieri solitari che stavano innovando in direzioni che potevano, in effetti, avvantaggiare tutta l’umanità, sono stati assorbiti nell’unico corpo del collettivo, annunciato come umano… e poi scaricati sul ciglio della strada con le loro invenzioni, e dimenticato.

Nella società pianificata, nessuno si eleva al di sopra della massa, tranne quegli uomini che gestiscono, operano e propagandano la massa.

Per intaccare l’illusione del successo individuale, come una sorta di valvola di sfogo per i desideri di milioni di persone, è emerso il culto della celebrità. Ma anche lì, storie straordinarie di ascesa e poi caduta precipitosa, gloria e poi umiliazione, sono state e sono presentate come melodrammi ammonitori.

Questo potrebbe succedere a te. Saresti esposto. Ne pagheresti le conseguenze. Lascia che siano gli altri a prendersi la colpa. Tieni la mente vuota. Non fare niente di insolito. Riduci la tua capacità di attenzione. Disabilita la tua macchina mentale. Allora non sarai mai tentato di distinguerti dalla massa.

L’impeto della tecnocrazia innesta le sue promesse selvagge alla manipolazione genetica, alle interfacce cervello-macchina e ad altri download automatici che assicurano una “vita migliore”. Nessuno sforzo richiesto. Collegati e sali a nuove utopiche (o distopiche?) vette.

Libertà? Indipendenza? Vecchi sogni tremolanti visti indirettamente su uno schermo di qualche film fuori moda e fuori tempo.

Grandezza individuale, immaginazione, potere creativo? Un galeone affondato carico di tesori che, a un’indagine più attenta, non c’era mai stato.

Il Piano è tutto ciò che è importante. Il piano prevede la sorveglianza universale, al fine di mappare la vita di miliardi di persone, mossa dopo mossa, al fine di progettare sistemi di controllo all’interno dei quali quei miliardi vivono, giorno dopo giorno.

Ma il peggior risultato di tutti è: l’individuo non può nemmeno concepire la propria vita e il proprio futuro in grandi termini. L’individuo risponde a una stretta e al controllo con un’alzata di spalle, come a dire: “Che differenza fa?”

Ha comprato il pacchetto collettivista. La sua unicità e le sue risorse interiori sono sommerse da strati di accettazione passiva del consenso.

E non fraintendetemi, questa realtà consensuale, nonostante tutta la sua esaltazione del gruppo, non è araldica in alcun senso, è la tappezzeria propagandata copre un cinico sfruttamento di ogni uomo, donna e bambino.

Afflitto da un’amnesia sulla propria libertà e su ciò che può veramente significare, l’individuo opta per un posto nell’oscurità collettiva. Può brontolare e lamentarsi, ma si adatta.

Non ricorda che esiste un’altra possibilità.

Ogni impresa in cui si trova si rivela una pallida copia della realtà.

Le energie profonde, il potere e il desiderio di libertà rimangono inutilizzati.

Eppure una lotta continua a vivere dentro di lui. Vive nei luoghi nascosti di ogni individuo che vuole uscire, che vuole tornare in se stesso, che vuole salire su un palcoscenico.

Libertà e potere di nuovo: la frantumazione dell’amnesia.

In questo paese rubato.

…E così l’individuo, quasi estinto, ritorna.

Piccole, piccole voglie e ossessioni diventano grandi appetiti.

I domino del collettivo inizia a cadere. L’intera struttura in putrefazione crolla, un’ala dell’edificio qua e un’ala là, ed i robot aprono gli occhi e spengono le telecamere.

La vasta rete appiccicosa chiamata “la gente” inizia a disintegrarsi nelle città ruggenti e nella mente.

Appare un nuovo messaggio istruttivo: “La normalità è scomparsa. L’individuo unico ritorna.”

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*