il 20 giugno riparte la Serie A
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

La Cina fa progressi nella lotta al Covid-19, ma il terremoto in Croazia fa tremare l’Umbria

di Francesco Angellotti (AG.RF 23.03.2020)

(riverflash) – Stiamo entrando in un momento in cui è difficile affermare coerenza. Perché ci dibattiamo in quel che nessuno sa definire. Una volta, quando scoppiò la peste a Milano, si cercavano gli “untori”; passati circa 5 secoli, non potendo più attribuire responsabilità così assurde, non sappiamo più a chi dare la colpa; questo vuol dire che è tutto è vietato, perché tutto può trasmettere contagio; anche se niente vien dato per sicuro: quanto bisogna stare distanti tra le persone? 1 metro? 1 metro e 1\2? Alcuni studi affermano che il virus ha vita entro 4 metri e 1\2, ma non è un dato sicuro. Però lavatevi le mani ed andate in giro con i fazzoletto avanti la bocca ed il naso; che è completamente inutile, vista la composizione di ogni virus che non subisce resistenze; ma forse può avere funzione psicologica, e se si viene infettati … “ho fatto tutto il possibile”.

   Stiamo perdendo Umanità, perché bisogna avere paura dei contatti; ma dato che non si può sapere, meglio troncare completamente i rapporti con tutti. La Grande Paura, oltre a quella che non sappiamo come evitare la malattia, è quella che quando il Contagio cesserà la strage, potremmo trovarci in condizioni drammatiche: poveri di tutto e senza risorse, visto che non si può più produrre.

   Ma manteniamo la calma, e non facciamoci prendere da ansie incongruenti.

   Brillante la notizia, però, che in Cina, ove il contagio ha avuto inizio, sembra che sono sulla strada della definitiva risoluzione del problema, dato che non  sorgon più nuovi casi. Bisogna riconoscere che in Cina le cosa si fanno seriamente: hanno troncato tutto drasticamente, e sono arrivati ove tutti son ancora lontani.Si sono mossi, allora, per venire in soccorso nei riguardi di tutto il Mondo; certo, siam felici di un gesto di fratellanza e d’aiuto da parte di chi l’esperienza pare l’abbia superata; ma calcoliamo anche che l’enorme mercato divulgato dalla Cina, nelle attuali condizioni, rimane bloccato; quindi si azzererebbe il valore di uno Stato che fa dell’economia la propria base con cui affermare la sua supremazia.

   Comunque mi sembra che ci sia da ringraziare i cinesi, che si distribuirebbero in Massa nel Mondo per contrastare il Corona Virus.

   Ci sarebbe un’altro studio che porterebbe alla risoluzione del problema. Pare che gli studi in Germania abbiano portato all’identificazione delle sostanze del Virus; e se avranno conferma, potrà essere trovata la formula per il vaccino. Certo, certe scoperte trovano nella Germania il paese ideale per essere elaborate, ove gli studi accurati sono svolti con la massima precisione. E proprio perché le operazioni vengono fatte bene e non sono approssimate, il vaccino potrà essere trovato in un tempo indefinito, entro qualche anno. Vogliamo rimanere così ancora tutto questo tempo?

   No, non sia mai. Proprio perché il caso viene studiato, potranno essere trovate cure molto più celermente. Meno male.

   Preso da queste problematiche, un paio di giorni fa, chiuso nella mia casetta, mi trovavo seduto sul divano leggendo un libro; verso le 23,20 ho sentito una piccola scossa di terremoto; non mi posso sbagliare, ben ricordo l’impressione che ebbi tanti anni fa a Roma. Mia moglie ha annuito, pur avendo attribuito, dalla cucina, come se le scosse fossero avvenute nella casa vicina. Ma la conferma l’ho ricevuta dalla gattina, che pasce in casa da anni. Un istante prima che me ne accorgessi, ha rizzato il busto improvvisamente, volgendo lo sguardo attento verso il vuoto per percepire, con le orecchie tese, bloccate verso avanti; era pronta a reagire velocemente, ma la scossa è durata pochi secondi; così non subito, ma constatando il ritorno della tranquillità, si è rilassata.

   Ci mancherebbe solo che si aggiungessero problemi ai problemi.

   Ma no, il terremoto non ha avuto ricezione e non ha provocato conseguenza alcuna. Bastano le malattie a sconvolgere l’equilibrio sociale; in fondo è normale: quando arriva un’epidemia non si può conoscere la causa; altrimenti non si sarebbe fatta scoppiare. Cerchiamo, però, di riacquistare un comportamento lineare, esprimendoci nella maniera più naturale, senza attirarci addosso tutte queste strane epidemie, che guarda caso gli altri animali ne sono immuni.  Perché loro non hanno svolto tutte le acrobazie cercando il progresso sfruttando le forze provocate; causando nell’atmosfera tutte le pestilenze a cui siamo arrivati; cerchiamo di produrre in modo naturale; non sfruttiamo, ma utilizziamo quel che sorge in Natura; quindi non bisogna causare squilibri. Vedrete che allora certe alterazioni che non sappiamo da dove provengono, non capiteranno.

   Avremo ancora paura di quanto ci potrà capitare, ma non per una malattia indotta e sconosciuta, ma per cause come un terremoto.

 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*