Modello di Autocertificazione
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

ISTAT: UECOOP, FERMARE FUGA CERVELLI 1,2 MILIONI IN 20 ANNI

AG.RF.(redazione).17.12.2019

“riverflash” – E’ necessario fermare la fuga dei cervelli dall’Italia con 1,2 milioni di persone che negli ultimi vent’anni hanno deciso di abbandonare la penisola per andare a cercare fortuna all’estero spesso con un laurea in tasca. E’ quanto afferma l’Unione europea delle cooperative (Uecoop) in relazione all’ultimo report Istat sulle emigrazioni, con l’Italia che perde risorse umane a favore di altri Paesi come la Germania, la Francia, il Brasile, gli Stati Uniti o il Canada. Il “buco” demografico copre il di fatto il periodo a cavallo delle recenti grandi crisi economiche mondiali alle quali il Paese ha pagato un pesante tributo. La ricerca di un lavoro o di migliori prospettive di futuro – evidenzia Uecoop – spinge molti a emigrare mentre la disoccupazione in Italia rimane attorno al 10% contro il 3,1 della Germania o il 6,3 della media Ue. In questo contesto – afferma Uecoop – il sistema cooperativo con quasi 80mila realtà a livello nazionale e 1,2 milioni di addetti rappresenta un importante “ammortizzatore” occupazionale con il 66% degli addetti che ha un diploma di scuola secondaria e più del 15% è laureato e con una incidenza trasversale su più settori: dall’edilizia alla sanità, dall’informatica all’agricoltura, dalla logistica al terziario avanzato. Gli occupati sono concentrati soprattutto nella fascia d’età fra i 30 e i 49 anni (58,5%) il 13,1% ha un’età compresa tra 15 e 29 anni e più di un quarto ha oltre 50 anni, mentre quasi la metà del totale è rappresentato dalle donne. Gli operai sono il 64,8% del totale, gli impiegati rappresentano il 30,8%, mentre il resto sono quadri, apprendisti e dirigenti sottolinea Uecoop. Quasi 8 addetti su 10 (78%) hanno poi un contratto a tempo indeterminato, importante condizione – conclude Uecoop – per favorire la stabilità sociale e famigliare.

 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*