Olimpiadi di Tokyo 2020 rinviate
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Inclusive fashion: amare se stesse è la cosa più importante di tutte!

di Valentina Riso (AG.RF 30.12.2019) ore 19: 57 (riverflash) La moda, ogni anno, fa i suoi passi in avanti. Chiudiamo il 2019 con una bella iniziativa e un bel messaggio: il lancio di lingerie e intimo per donne operate al seno.
Già da qualche tempo il fashion system ha dimostrato la sua capacità di adattarsi ai tempi e di evolversi grazie alle linee curvy. Modelle dalla forme più rotonde pronte per sfoggiare in passerella i nuovi must have delle collezioni del momento. Ora l’ulteriore passo in avanti viene fatto dalla stilista Stella McCartney con il lancio di intimo per donne operate al seno a causa di un tumore. Per una moda inclusiva che abbraccia davvero tutte.
La linea si chiama Stella McCartney Cares e il reggiseno postoperatorio che è stato distribuito gratuitamente è il Louise Listening. Secondogenita dell’ex star dei Beatles, Paul, la stilista british ha pensato proprio a tutto. Dallo scorso ottobre, inoltre, è stato lanciato anche il reggiseno sportivo post-operatorio in occasione del mese per la prevenzione del cancro al seno. In questo caso è la collezione Adidas by Stella McCartney AW19, confortevole e anatomica per favorire la ripresa delle attività sportive! Avere una lingerie adatta a donne operate al seno è una piccola rivoluzione del costume, lancia un messaggio di uguaglianza e soprattutto invita le donne ad amarsi rafforzandone l’autostima.

«Con questo reggiseno sportivo post-mastectomia», ha detto Stella McCartney, che ha perso la madre Linda per via di un cancro, «voglio davvero incoraggiare le donne a prendersi cura della propria salute attraverso uno stile di vita sano e la cura di sé. Con questo accessorio vogliamo accompagnare le pazienti in via di guarigione verso la fase successiva del loro viaggio e contiamo di dare loro la fiducia necessaria per tornare ad allenarsi. Il look fresco e moderno, inoltre, è pensato per motivare le donne che lo indossano e per non farle sentire fuori posto».

Spesso apriprista sono persone colpite loro stesse da malattia ma il fatto nuovo è che questo intimo non è relegato nelle farmacie e parafarmacie ma è bello e va anche in passerella (oltre che nell’e-commerce).
Dana Donofree, lei stessa colpita da tumore giovanissima che l’ha costretta all’asportazione totale di entrambi i seni, ha fondato a Philadelphia il marchio di biancheria intima AnaOno. La stilista ha ammesso anche di essersi trovata più volte a piangere nei camerini dei negozi di lingerie perché niente le stava bene e non trovava qualcosa di adatto al suo corpo, così ha creato la sua linea. Per chi ha sofferto della malattia il comfort diventa una priorità, ciò però non deve significare per forza indossare reggiseni sportivi e poco sexy a vita: ecco perché Dana ha creato la sua linea. Ormai non è più un tabù e amare se stesse è la cosa più importante di tutte!

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*