Il calendario della nuova Serie A
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

IMPORTANTI RITROVAMENTI ARCHELOGICI DEL TERNANO POCO CONOSCIUTI NEL MONDO

di Francesco Angellotti (AG.RF 18.06.2019)

(riverflash) – Le attrazioni archeologiche-culturali del ternano è bellissimo andarle a cercare, anche perchè nessuno le conosce. Il motivo di questo fenomeno è bivalente; in quanto il risultato è da considerare sia un bene che un male.

   L’introversione degli abitanti di questa zona è dilagante; esempio ne sia la Cascata delle Marmore, conosciuta da tutti; ma pochi saprebbero narrare la sua storia e la sua dimensione prima del condotto ideato sotto il Console Mario Curio Dentato nel 271 a.C.n. Ma a parte il particolare delle Cascate, sono nascosti e trascurati molti ritrovamenti: importanti riferimenti storici ed addirittura archeologici, su cui gli esperti si allargano fino ad arrivare al Neolitico, senza arrischiarsi a considerare il Paleolitico.

   Raccapricciante è che spesso la presenza di resti archeologici è ignorata anche dagli addetti incaricati alla conservazione dei reperti. Ed è un grave peccato, perché dall’evoluzione degli Eventi si potrebbe trarre un’importante testimonianza storica, e quindi potremmo riuscire ad organizzare la Società sull’esperienza vissuta.

   Si può considerare positivamente che certe Bellezze Storiche son conservate e nascoste dalla Natura, finché non verranno capite; però è anche vero che non essendo illustrate ai turisti che fan gite, non viene commercializzato il senso che rimarrebbe raffigurato nell’immagine del ticket  d’ingresso: esempio di come viene tarpato il significato che prende dimensione entro il folklore di una Gita.

Constatiamo, invece, che quel che appare evidente ed esplosivo in tutte le città  Umbre, avendo un Valore determinante nello svolgimento di varie Epoche, ed è presentato in modo caratteristico, cercando di racchiuderne il senso nei valori correnti, cercando il significato nell’attualità. Mentre i reperti vengono interpretati nella mentalità attuale, senza considerare le trascorse civiltà, che hanno iniziato l’interpretazione osservando gli effetti naturali.

   La caratteristica intrisa nell’animo Umbro, intimo o indotto, si è espanso a tutto il contesto che si è inserito nella parola “Turismo”; che non è conoscenza del Nuovo e dei bagagli appresi dall’Antico, ma è ammirazione di quel che vien esposto delle Grandezze del Passato, pur non interpretando il significato e le matrici.

   Ma proprio in Umbria parte l’iniziativa di Ricerca, per una nuova consapevolezza degli abitanti, che non sopportano di lasciarsi marcire dall’ignoranza.

   Certo, gli Umbri sono esperti dei luoghi più accoglienti e significativi della zona; per cui, senza andare a distanze che avrebbero messo in difficoltà, un gruppo di tecnici si è riunito presso il locate “Scardone”, entro Borgo Rivo: una ridente zona nel perimetro della Città.

   Certo, in un Ristorante, quel che si deve apprezzare è la Cucina: la bontà dei piatti, che sopratutto in Umbria sono genuini. Ma in questo locale è difficile dire se è più “ad alto livello” la cucina, o l’ambiente intimo ed ospitale, o forse il servizio gentilissimo da parte di una troup di camerieri molto disponibili. Diciamo, comunque, che in un contorno eccellente, la qualità della Cucina si impone con sapori genuini, nei piatti caratteristici nella zona. E questo per dire che i veterani dell’accoglienza umbra, ben sanno scegliere tra i posti migliori.

   In un ambiente adatto per l’espressione di contenuti importanti, si è trovata agevole esposizione di tutti i presenti; che rappresentavano diversi generi di residenti, ma tutti attaccati ai beni splendenti nel ternano, pur se si è evidenziata una notevole differenza (per esempio) tra la zona di Narni e quella di Spoleto, Foligno, anche Orvieto, Collescipoli, Fornole, Sangemini e tanti  altri ceppi culturali.

Studiosi della materia, hanno parlato di luoghi importanti e grandiosi, non considerati come “beni culturali” in quanto non sono ancora stati riconosciuti nelle stanze amministrative.

   Anche perché adesso, secondo la corrente sociale attuale, se un Bene rende, è pubblicizzato; se la resa non è all’altezza della spesa, viene trascurato. Dato che per rendere visitabili alcuni posti, per ammirarli e svolgere gli studi, la spesa per esporli e mantenerli sarebbe troppo onerosa, la Cultura non è il caso di considerarla, perchè per il costo non appare conveniente.

   Quindi tutti i commensali, pur uniti amichevolmente ed allegri nella tavolata, si sono rammaricati di una dispersione d’intenti culturali, che andrebbero, invece, elaborati per dare crescita e conoscenza, in modo di saper affrontare il domani, conoscendo retroterra e cause che hanno portato alla situazione odierna, la quale ognuno definisca come vuole.

   Si è fatta strada, quindi, l’eventualità di espandere gli studi che vengono elaborati dall’Associazione Polvere di Stelle, che si inoltra in ricerche interessanti nel contesto locale.

   Quest’iniziativa è apparsa senz’altro molto importante, perchè la voce di tanti dotti professori, se presentata con l’autorità di un nucleo che svolge un documentato studio in proposito, ha molta più influenza di quel che sarebbe una testimonianza simile, ma slegata da alcun contesto. Allora si è pensato che diverse sono le Associazioni Culturali che si potrebbero unire, per formare una solidarietà che potrebbe coinvolgere diversi aspetti sociali.

    La Cultura se statica non serve, ma se è statica non è Cultura.

   E’ quindi da sperare che la serata presso il Ristorante Scardone doni il frutto dello svolgimento ai programmi di tante persone, che riconoscono nell’Affare una funzionalità accessoria, dandogli senso solo per il suo svolgimento indotto verso lo sviluppo di programmi intellettuali e progressisti, volti verso la crescita.

   Fare affari per essere contenti di aver fatto un affare ha importanza dilagante, ma vuota; per quanto è il sistema più diretto per condurre l’Umanità intera verso il traguardo che sta raggiungendo: la massificazione spersonalizzata; verso la quale viene condotta dall’impostazione che vogliono asserire sia quella più attuale.

     Ammiriamo quel che è stato edificato, anche senza capire a volte come son stati elaborati, in alcuni splendori, esatti riferimenti astrologici: e impariamo il Nuovo dal Passato.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*