il 20 giugno riparte la Serie A
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

‘GUERRA, CAPITALISMO & LIBERTÀ’, LE OPERE DI BANSKY PER LA PRIMA VOLTA A ROMA

Schermata 2016-05-25 alle 21.37.19di Maria Michela D’Alessandro (AG.RF. 25.05.2016) (river flash) – ‘War, Capitalism & Liberty’ (Guerra, Capitalismo & Libertà), è questo il titolo dell’attesa mostra che porta per la prima volta a Roma, al Palazzo Cipolla, le opere dello street artist conosciuto come Bansky. 

Fino al 4 settembre 2016 grazie a prestatori provenienti da tutto il mondo, i visitatori avranno la possibilità di ‘conoscere’ l’artista considerato come il massimo esponente di quella forma di arte urbana chiamata Street Art. 

L’arte, di strada, che parla degli avvenimenti sociali e politici internazionali, dalla serigrafia di alcune scimmie che dichiarano ‘Laugh Now But One Day I’ll Be in Charge’ (Ridete adesso ma un giorno saremo noi a comandare), passando per l’agghiacciante immagine di ‘Kids on Guns’ dove vengono rappresentati bambini che giocano su colline di armi.

Sono 150 le opere esposte in Via del Corso a Roma, dipinti, disegni, bozzetti, da quelle più famose a quelle meno, tutte in un modo o nell’altro entrate nell’immaginario collettivo mondiale. Linguaggi diversi per raccontare una visione del mondo vera e senza sfumature per veicolare messaggi come la pace, la libertà e la giustizia attraverso la personale guerrilla urbana di Bansky.

Nelle sale espositive le opere si suddividono secondo le tematiche centrali dello street artist inglese: gli spazi dedicati al tema del capitalismo, alla sua denuncia, al dominio dei mezzi di comunicazione e il tema della guerra proposto in diverse forme.

Immancabile l’icona della bambina con il palloncino insieme a copertine di dischi, sculture, stencil, tutte a delineare l’artista, in pieno anonimato, e a fare di questa mostra un’inedita occasione di riflessione sull’umanità e le sue contraddizioni.

La mostra, ideata, promossa e realizzata dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, è stata curata da Stefano Antonelli, Francesca Mezzano & Acoris Andipa.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*