Johnny Depp respinge Amber Heard
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

A EXPO DUE GIORNI ALL’INSEGNA DELLA CULTURA

Forum cultura_dettaglioDi Maria Michela D’Alessandro (AG.RF. 02.08.2015) (river flash) – Per due giornate la cultura è stata la protagonista all’Esposizione Universale di Milano: venerdì 31 luglio e sabato 1 agosto si è svolta la Conferenza internazionale dal titolo “Cultura strumento di dialogo tra i popoli”, nella quale si sono riuniti i Ministri della cultura di tutto il mondo con ottantatre delegazioni presenti.

Insieme ai rappresentati di Unesco, UnWTO, Parlamento Europeo, Consiglio d’Europa e Iccrom, i Ministri hanno discusso e fatto il punto sul patrimonio culturale mondiale e sulla sua protezione e tutela. 

Tra gli interventi anche quello del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, alla fine del dibattito di venerdì 31, che ha sottolineato l’importanza della cultura: “è una risorsa economica, la carta d’identità di un luogo, è qualcosa che salverà il mondo e l’Italia vuole svolgere un ruolo da protagonista in questa impresa, sensibilizzando Governi e istituzioni per intraprendere azioni e iniziative necessarie a raggiungere l’obiettivo”. 

Nella seconda giornata una lectio magistralis del professore, scrittore e semiotico Umberto Eco che ha affrontato diversi aspetti del sistema culturale mondiale, parlando anche del tema dell’immigrazione e puntando a spiegare come “gli scambi di esperienze culturali  non eliminano il razzismo e la xenofobia”. “La conoscenza di altre culture – ha dichiarato Eco – non elimina l’odio per chi appare diverso da noi, però ci fanno capire come la comprensione interculturale può contribuire a mitigare gli scontri, a ridurre le incomprensioni e a far nascere nuove forme di fratellanza”. Importante quindi l’incremento dei trasporti e del turismo, che permettono la possibilità di far conoscere a chiunque le bellezze della cultura di altre popolazioni. Eco è poi tornato a parlare della globalizzazione e dello scambio culturare: “in un mondo dominato da conflitti militari, la diffusione della cultura e la conoscenza reciproca dei beni culturali dei paesi può costituire uno degli elementi di salvezza per un pianeta sempre più globalizzato”.

Una due giorni mirata quindi a non perdere di vista quello che il patrimonio e i beni culturali offrono alla popolazione mondiale. In fondo, come ha detto il Direttore generale dell’Unesco Irina Bokova, “Una nazione è viva quando vive la sua cultura”.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*