Modello di Autocertificazione
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

“EDUCARE ALLE MOSTRE, EDUCARE ALLA CITTA’: MERCOLEDI’ 29 NOVEMBRE ALLE ORE 16 – MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE

image001

AG.RF.(redazione).28.11.2017

 “riverflash” – Si torna a parlare di Spazioarte – galleria sperimentale prima, e poi rivista trimestrale, attiva a Roma tra il 1974 e il 1977 – per ricordarne la valenza innovativa e approfondire gli stimoli che quella esperienza oggi può trasmettere, nel corso dell’incontro “Documentare il contemporaneo”.  L’appuntamento, a cura di Paolo Boccacci, Nicoletta Cardano, Valerio Eletti, con interventi diDaniela Lancioni, e di alcuni testimoni della cultura degli anni Settanta come Fabrizio Caleffi, Enrico Crispolti, Ugo La Pietra, Mauro Marafante e Francesco Moschini, sarà ospitato presso il Museo di Roma in Trastevere, mercoledì 29 novembre alle ore 16.00.  Tra il 1974 e il 1975, nel cuore di Roma, Spazioarte fu una galleria dedicata a mostre e discussioni, in particolare sul ruolo dell’artista e sulla necessità di innovazione e partecipazione; e poi, fino al 1977, divenne una rivista a cui contribuirono i protagonisti dell’epoca: un prototipo sperimentale nei temi, nelle forme editoriali, nella rete di relazioni interdisciplinari; una esperienza proficua ancora oggi.  Nata dalla curiosità e dall’entusiasmo di tre (allora) giovani cultori dell’arte contemporanea, Spazioarte coinvolse critici e politici, istituzioni e antagonisti, artisti e architetti, nelle sue attività espositive, nelle discussioni, negli interventi videoregistrati, nelle azioni politiche e culturali sul territorio, nell’esplorazione interdisciplinare delle comunicazioni visive. Intervennero nelle sue sale e sulle sue pagine centinaia di personalità di primo piano, da Fuksas a La Pietra, da Baruchello a Boatto, da Bonito Oliva a Calvesi, da Crispolti a Dorazio, da Maltese a Mendini, Menna, Volpi, Portoghesi.  Che cosa può dare in concreto oggi l’analisi di quella esperienza? Certamente una visione degli anni Settanta vivida e articolata, tra ideologia e impegno politico, tra movimenti artistici e nuovi ambienti della comunicazione visiva. E poi la testimonianza di una esperienza partecipativa basata su azioni concrete di confronto, condivisione, multimedialità e connessione, sia nello spazio fisico della galleria sia nella proposta di videoregistrazioni (allora all’inizio) e nell’invenzione di format editoriali, come le schede compilabili da parte dei lettori, di cui vedremo degli esempi.  L’incontro è inserito nel programma di EDUCARE ALLE MOSTRE, EDUCARE ALLA CITTÀ – ciclo di approfondimenti ragionati su archeologia, trasformazioni urbane, musica, scienza, arte contemporanea condotti da direttori e curatori di museo e docenti universitari – ed è promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

Paolo Boccacci

Storico dell’arte, giornalista, è stato inviato e vice caporedattore della Cronaca di Roma de «la Repubblica».

Nicoletta Cardano

Curatore storico dell’arte presso la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è responsabile del coordinamento scientifico del Catalogo Unico e delle attività didattiche. I suoi studi riguardano principalmente aspetti dell’arte italiana fra la fine dell’800 e gli anni ’60 del ’900. Si è interessata in particolare di scultura, anche contemporanea, e di temi legati alle arti decorative e industriali e al design.

 Valerio Eletti

È stato uno dei fondatori (e poi il direttore responsabile) di Spazioarte insieme con Luigi Belli e Mauro Marafante, con il supporto di Guido Montana, Fabrizio Caleffi e Luciano Marziano.

Al momento della messa a punto del progetto Spazioarte, a ventisette anni, aveva alle sue spalle già alcuni anni di ricerca tecnico-scientifica (era laureato in fisica e lavorava in un centro di ricerca romano), studi di storia dell’arte (seguiva con Paolo Boccacci e Nicoletta Cardano i corsi di storia dell’arte contemporanea all’Università “La Sapienza”) e una discreta esperienza di critica (scriveva su riviste di fotografia come «Popular Photography» e «Zoom» e teneva una rubrica di arte su una delle prime radio “libere” dell’epoca, RR96).

Dopo l’esperienza di Spazioarte Valerio Eletti si dedicherà al giornalismo culturale, prima a Radio Tre Rai e a «la Repubblica», quindi a «L’Espresso», per passare poi alla direzione editoriale di «Art e Dossier» e di «Giunti Multimedia», con la produzione di collane cartacee e di cd rom dedicati alla storia dell’arte. Attualmente si occupa di reti e sistemi complessi.

Museo di Roma in Trastevere – Piazza Sant’Egidio 1/b –  Ingresso gratuito fino a esaurimento posti

 INFO

Prenotazione obbligatoria – Tel. 060608 (dalle 9.00 alle 19.00)

Il calendario delle attività ed eventuali aggiornamenti sono consultabili

scuole.museiincomuneroma.it

www.sovraintendenzaroma.itwww.museiincomune.roma.it

 

 

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*