CALCIO: la Serie A 2021-2022
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

DISFATTA GIALLOROSSA IN NORVEGIA: BODO GLIMT – ROMA 6 A – 1 – IL TURNOVER “REGALA” LA PRIMA GRANDE FIGURACCIA ALLO “SPECIAL ONE”

AG.RF.(redazione).22.10.2021

“riverflash” – “ Non ti chiami Roma se… non fai delle figuracce” Quante volte l’abbiamo detto e scritto? Questa volta nemmeno il tanto atteso e osannato arrivo di Josè Mourinho sulla panchina giallorossa, ha cambiato quello che sembra ormai un dna insito nella squadra capitolina. E così, complice il turnover, la figuraccia è servita: il Bodo Glimt fa ben 6 gol alla Roma, concedendogli quello della bandiera. E’ finita dunque 6 a 1 con la squadra norvegese che esce trionfante dal campo, scavalca i giallorossi in classifica, conquista il primo posto nella classifica C, mentre la Roma aggiunge al suo curriculum una sconfitta che risulta ancora una volta, difficile da commentare: in un freddo polare (ma questo si sapeva e non è certo una scusante) il massiccio turnover operato da Mourinho ha inciso non poco a livello di prestazione, ma la verità è che i giallorossi ieri non sono proprio scesi in campo, lasciando tutta la gloria ad una squadra che sta facendo benissimo in campionato ma non è certamente imbattibile. Il mister giallorosso, furioso a fine partita ha così commentato: “”La responsabilità della figuraccia è solo mia, che ho mandato in campo questa squadra” non rinunciando poi al suo sarcasmo: “la cosa positiva è che nessuno mi chiederà più perché giocano sempre gli stessi”. In effetti ieri, Rui Patricio e Ibanez erano gli unici confermati dal mister: in avanti c’era Borja Mayoral in mediana la coppia Diawara-Darboe e Reynolds, Kumbulla e Calafiori in difesa. I giallorossi partono guardinghi (troppo) e dopo appena 8 minuti sono in svantaggio: Botheim scambia con Brustad in area, anticipa tutta la difesa giallorossa e supera Rui Patricio lasciando a bocca aperta gli avversari, ma non è tutto perché al 16 il Bodo per poco non raddoppia con Konradsen che si fa parare da Rui Patricio, un tiro ravvicinato, che è solo un anticipo del raddoppio che arriva al 20esimo con un bellissimo tiro da fuori di Berg. Otto minuti dopo Carles Perez accorcia le distanze: tutto è ancora possibile e il secondo tempo è tutto da vedere o meglio… conveniva non vederlo… Per la seconda parte della gara, Mourinho inserisce Cristante, Shomurodov e Mkhitaryan, ma ormai la situazione può solo peggiorare: al 52′ Botheim firma la sua doppietta, (è 3 a 1), sfruttando l’assist di Sampsted, che approfitta della “dormita” sulla linea di fondo di Diawara. Nemmeno  gli ingressi in campo di Pellegrini e Abraham cambiano le sorti del match che peggiora di minuto in minuto: al 71′, Botheim lancia in avanti Solbakken, che va via ad un incerto Kumbulla e supera Rui Patricio con un morbido tocco che vale il 4-1. La Roma è scomparsa e il Bodø/Glimt, che ieri ha giocato veramente bene, ne approfitta per segnare ancora con Pellegrino (78′) e Solbakken (80′): l’opera è ora compiuta con i norvegesi che festeggiano in campo e sugli spalti e i giallorossi che si avviano mestamente verso gli spogliatoi: una scena vista già troppe volte.. e la prossima domenica ci sarà da affrontare la capolista Napoli in trasferta…silenzio, riflessioni e “passi lunghi…” anche queste 3 parole purtroppo appartengono al dna della squadra capitolina.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*