Johnny Depp respinge Amber Heard
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

DELITTO DI GARLASCO: ALBERTO STASI CONDANNATO DEFINITIVAMENTE A 16 ANNI DI CARCERE

stasi-alberto

AG.RF.(MP).13.12.2015

 “riverflash” – La Cassazione, respingendo i ricorsi presentati dalla Procura generale di Milano (che chiedeva il riconoscimento dell’aggravante della crudeltà e quindi una condanna a 30 anni) e dall’imputato (che chiedeva l’assoluzione) contro la sentenza emessa dalla Corte d’assise d’appello milanese il 17 dicembre dello scorso anno, dopo 2 ore di camera di consiglio, ha deciso: Alberto Stasi, unico imputato per l’omicidio di Chiara Poggi a Garlasco, avvenuto nel 2007, è colpevole. Egli dunque, si trova già nel carcere di Bollate, dopo essersi presentato spontaneamente. Soddisfatta la mamma di Chiara, Rita Poggi, che ha subito dichiarato. “Giustizia è fatta”, supportata dall’avvocato di famiglia, che ha aggiunto. “La verità è stata accertata”. Stasi, si è subito costituito in carcere e non essendo mai stato posto in custodia cautelare nelle varie tappe del giudizio, dovrà ora scontare interamente la pena. Ma quali sono state le motivazioni della sentenza, da cui è scaturita la condanna? “Alberto Stasi ha brutalmente ucciso la fidanzata, che evidentemente era diventata, (ma non si sa ancora per quale motivo), una presenza pericolosa e scomoda e come tale, da eliminare per sempre dalla sua vita di ragazzo, considerato “per bene” e “studente ‘modello”, apprezzato da tutti”. La Corte d’Assiste d’Appello di Milano, l’aveva condannato nel 2014,  16 anni di carcere e ieri, la Cassazione ha confermato questa decisione. L’ipotesi, anche se il movente è sconosciuto, potrebbe essere stato il fatto che Alberto aveva una “passione” per la pornografia, passione scoperta da Chiara, che avrebbe provocato discussioni nel rapporto, tanto da indurre Stasi ad ucciderla a seguito di un raptus. Nel determinare la pena condivisa dalla Cassazione, i giudici d’Appello non hanno riconosciuto alcuna attenuante (neppure le “generiche”), mentre il delitto è stato qualificato come omicidio “semplice” con esclusione dell’aggravante della crudeltà che era contestata all’imputato. Senza attenuanti né aggravanti, il calcolo della pena è stato fatto partendo dalla pena-base per l’omicidio: 24 anni, che sono stati ridotti di un terzo (otto anni) essendo il processo stato definito con rito abbreviato. Risultato finale: 16 anni, quelli appunto, che sono stati inflitti a Stasi.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*