il decesso di Morricone a 91 anni
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

CROSBY, STILLS, NASH e YOUNG, i Figli dei Fiori la cui musica arrivò dall’America

di Francesco Angellotti (AG.RF 25.05.2020)

(riverflash) – Una ventata travolgente arriva dal nord – America negli anni ’60. La Beat Generation, i Figli dei Fiori, personaggi che hanno trascinato l’ideologia; è stato fatto il discorso imperniato sulla West Coast, prendendo come soggetto Crosby, Still, Nash (e Young che, scusate, è quello che preferisco). Tanti gli attributi dati al genere, tutti esatti; ma solo perché i cambiamenti erano continui ed il discorso musicale rappresenta un’evoluzione artistica inarrestabile: rock, indiana, elettronica …

   Solo un discorso è stato fatto non credo nel miglior modo; quello sulla Droga. A parte che allora era più pura e meno artefatta.

 Però è stato condannato il discorso secondo le teorie tradizionali; che abbiamo constatato quanto siano sterili.

   Credo che il problema sia più profondo. Anche perché poi, sorto un nuovo Modum Vitae che aveva trovato diversi Valori, essenziali nel modo di come son stati presi, “lo spaccio” ha trovato modo d’inoltrarsi e di insidiare quella che era una mentalità nuova, essenziale, eppure così fragile. Tanto che fu considerato un movimento  “inconsistente”; mentre invece la forza era Grandiosa; ma purtroppo la fragilità non ha trovato contemporaneamente il retroterra per fondare le basi; anche perché quelle indotte venivano rifiutate. Per cui, subito, si è infilata la Droga; come ha fatto il suo arrivo la Pubblicità; ed allora il Movimento, che poi era una nuova forma di assorbire i Valori, l’hanno distrutta; in quanto ha assimilato i comportamenti dominanti del Commercio.

   Sempre questo è il discorso: qualsiasi forma spontanea, viene schiacciata dal “dominio economico”.

   Stiamo attenti anche adesso, perché questa è la via che cercano di far prevaricare nella attuale Crisi.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*