Costa (ministro Ambiente): gli animali sono i nostri compagni di vita, il loro maltrattamento è un delitto atroce – » Agosto senza cartelle esattoriali
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Costa (ministro Ambiente): gli animali sono i nostri compagni di vita, il loro maltrattamento è un delitto atroce

AG.RF 28.07.2018

(riverflash) – Un mascalzone ha tentato di uccidere una cagnetta gettandola a mare con una pietra al collo, in modo che non potesse tornare a galla. È successo a Lido Valderice, spiaggia della Sicilia occidentale. La vittima, una cagnolina bianca di nome Mia, è stata sottratta a un destino orrendo per l’intervento di altre persone presenti sulla spiaggia. Mia se l’è cavata con ferite al collo e alle zampe, ma non è tornata a casa. Il microchip ha rivelato che il mascalzone è anche il proprietario della cagnetta che adesso è stata sottoposta a sequestro penale. Una gabbia non è la soluzione migliore, ma almeno tutela Mia dalla follia omicida del delinquente, di cui si conosce il nome, ma nessuno lo ha divulgato. Forse perché è proprietario di altri cani, su cui avrebbe potuto sfogarsi. A nostro avviso, invece, andrebbero riempiti i muri delle cittadine del trapanese, così da rendere noto a tutti chi è costui che dovrà faticare a trovare lavoro se mai lo cercasse o giustificare la propria crudeltà ai clienti nel caso gestisca un esercizio commerciale. Becero e futile il motivo che il mascalzone ha addotto per giustificare l’atto crudele: “Non voleva fare il bagno a mare con me e ho voluto convincerla con la forza”.

Nel 2016 a Sangineto, in Calabria, il cane randagio Angelo venne seviziato e ucciso da 4 imbecilli che non sapevano come passare il tempo. Massimo della pena che è comunque irrisorio rispetto alla gravità del reato: Un anno e quattro mesi di reclusione ciascuno, il massimo della pena, per i quattro giovani imputati. Il giudice ha anche disposto che i quattro imputati svolgano attività di volontariato per sei mesi in un canile municipale, condannandoli anche a risarcire duemila euro a ciascuna delle venti associazioni che si sono costituite parte civile nel processo.

Allora Matteo Renzi era Presidente del Consiglio e Maurizio Martina ministro delle politiche agricole, ambientali e forestali: Allora non ci furono prese di posizione da parte di Renzi e Martina.

Adesso le cose sembrano cambiare con il nuovo governo giallo-verde.

«Aumenteremo le pene verso chi maltratta gli animali, garantendo maggiore tutela rispetto a fatti gravi ancora non adeguatamente perseguiti. Quanto accaduto a Mia non dovrà ripetersi più!», scrive il ministro della Giustizia Bonafede su Facebook.

Sergio Costa, ministro dell’Ambiente, rivela la sua anima animalista in un post sul Blog delle Stelle: «È stata coraggiosa e forte la cagnolina “Mia”! E sono stati eccezionali i bagnanti che l’hanno soccorsa, allertato le forze dell’ordine e concorso a denunciare il padrone. Gli animali sono i nostri compagni di vita, i nostri fedeli amici: il loro maltrattamento è un delitto atroce e mi muoverò affinché le pene siano inasprite. Noi, come ministero, ci costituiremo senz’altro parte civile nell’eventuale processo. Ringrazio di cuore quei cittadini che si sono attivati. Continuate a farlo! Continuate a denunciare i maltrattamenti e gli abbandoni. Noi, saremo al vostro fianco e faremo la nostra parte».

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*