Johnny Depp respinge Amber Heard
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

COPPA ITALIA, FIORENTINA – ROMA 7 A 1: RESTA SOLO LA VERGOGNA

AG.RF.(Maura Peripoli).31.01.2019

“riverflash” – Vergogna e umiliazione: ecco ciò che resta della disastrosa esperienza in Coppa Italia della Roma, sconfitta ieri per 7 a1 dalla Fiorentina, eliminata dalla competizione nel peggiore dei modi, mentre i viola, trascinati da uno straordinario Federico Chiesa, alla prima tripletta in carriera, dalla doppietta di Simeone e dai gol di Muriel e Benassi, si godono uno “strameritato” passaggio in semifinale di coppa. La Fiorentina e’ stata bravissima ad approfittare di una Roma allo sbando, come troppe volte si e’ vista in questo campionato, completamente in confusione, senza idee e con una difesa imbarazzante. Ed  e’ arrivato cosi’ il terzo 7 A 1 della storia, anche se, negli altri due casi si parlava di Champions League…”Avete collezionato più 7 A 1 che scudetti”, commentavano giustamente aluni tifosi inviperiti sui social.  Per il match di ieri, Di Francesco ha deciso di rinunciare a sorpresa a Dzeko, reduce da una doppietta all’Atalanta, dando fiducia a Schick. Poi, oltre a Fazio e a Florenzi, ha rilanciato dal 1′ Pastore, preferito a Pellegrini, non al meglio e ha confermato Zaniolo esterno destro. Sul fronte opposto Pioli ha restituito una maglia da titolari a Milenkovic, Biraghi e Edimilson e, davanti, ha preferito lasciare a riposo Simeone (entrato successivamente) dando una chance a Mirallas. La scena e’ stata tutta per Chiesa: prima ha impegnato Olsen con una bordata da fuori poi ha segnato una doppietta in 11′: al 7′ ha aperto le marcature girando di piatto destro nell’angolo un cross dalla sinistra di Mirallas poi (18′) ha raddoppiato in contropiede scattando sul filo del fuorigioco su un perfetto lancio in verticale di un ispirato Mirallas. A seguito di questo strepitoso avvio, c’era stata una “timida” reazione della Roma, con un palo colpito da Cristante e un colpo da fuori area di kolarov che aveva “illuso” i giallorossi di poter recuperare, ma dopo appena 5 minuti, ci ha pensato Muriel a spegnere le ultime speranze, al 33esimo del primo tempo, siglando la rete del 3 A 1. Fine della Coppa Italia (che sicuramente non si addice alla Roma…) e fine di una squadra, totalmente priva di carattere e “voglia” di vincere. E nel secondo tempo, nonostante l’ingresso in campo di Pellegrini e Dzeko che ha pensato bene di farsi espellere per proteste (speriamo che sia veramente questo il motivo…), e’ andata ancora peggio, con la Fiorentina che affondava i colpi, bucando una  difesa inesistente, fino al “liberatorio” fischio finale dell’arbitro Maganiello, sul 7 A 1. A quel punto la disfatta era completata. “Chiedo scusa per questa vergognosa prestazione, non mi dimetto, ora serve una riflessione..” Si ma quale? Quale potrebbe essere la riflessione giusta? Cacciare via tutti, presidenza e dirigenti? Cambiare l’allenatore o il preparatore atletico? Chiamare un esorcista o uno psichiatra? Al momento non si vede luce in questa squadra “malata”.. l’unica cosa che resta e’ la vergogna di aver “offerto” una simile prestazione e l’umiliazione subita… Che resta comunque nella memoria e nella storia calcistica del club giallorosso…

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*