Johnny Depp respinge Amber Heard
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

CHIUSURA DEL IRISH FILM FEST, SUCCESSO ORGANIZZATIVO DI SUSANNA PELLIS

IFF8_locandina_web-01di Luigi Noera (AG.RF 30.03.2015) ore 19:06

(riverflash) – È calato il sipario su questa affollata ottava edizione del Festival che si è conclusa alla grande  domenica pomeriggio con la Master Class del geniale Lenny Abrahamson preceduta dalla proiezione del suo ultimo film Frank. Il film affronta svariati temi tra i quali spicca il talento di Frank e la ordinarietà di Jon. Ed era proprio questo il tema che il regista ha rimarcato alla platea di voler sfatare: il mito che dietro ogni genio ci debba essere necessariamente una vita sregolata e l’idea che se vuoi e ti impegni puoi sfondare. Frank è una persona con problemi relazionali, mentre Jon è semplicemente insignificante ed a nulla valgono i suoi sforzi di comporre della buona musica. Non ne è proprio capace. C’è poi la feroce critica rivolta alle nuove forme di condivisione dei social network. Un tempo si contavano le copie di dischi vendute, adesso si contano il numero di accessi virali ai video online. Dello stesso regista è stato proiettato nella giornata inaugurale il suo primo film Adam & Paul che tanta notorietà gli ha procurato. Storia nettamente diversa: la giornata di due tossicodipendenti alla ricerca della dose di droga. Nei due poveretti ritroviamo la comicità quasi ossessiva di Stanlio ed Ollio da una parte e la tragedia Beckettiana dall’altra. Ma in fondo sono due tossici che proprio per questo non hanno emozioni. Quando uno dei due muore, l’altro riprende la sua strada senza versare una lacrima. Come ha detto Susanna Pellis questa voglia del regista irlandese di mettersi ogni volta in gioco con storie diverse, non annoia il pubblico. Della rassegna è poi da segnalare la parte dedicata ai documentari con due argomenti uno sulla Irlanda recente e la sua storia (City Dreaming ovvero la cittadina di Derry e i Troubles) ma anche i suoi talenti come il caso dello scrittore Brendan Behan, morto appena quarantenne a causa dell’alcolismo e interpretato da un bravissimo Adrian Dunbar. L’attore al termine della proiezione si è esibito in una toccante piece teatrale. Interessante anche l’esperienza delle tre registe supportate dal FilmBase di Dublino con un film biografico Poison Pen. Come al solito gli irlandesi sono più bravi nel genere cupo e malinconico e di questo ne soffre questo racconto brillante della vera storia dello scrittore P.C. Molloy. Nel film, diretto a tre mani in maniera sequenziale, si nota il diverso tocco delle tre giovani registe, ma il risultato ottenuto è gradevole, e promette bene per il futuro delle tre giovani registe. Gli altri film proiettati delineano un cinema irlandese in crescita. A parte il caso di Frank e del genio di L. Abrahamson, le altre pellicole cominciando da Patric’s Day dell’estroverso Terry MacMahon, che ha dato prova della sua bravura nel Q&A in sala, dimostrano la vivacità dei cineasti irlandesi. Di questo bisogna ringraziare Susanna Pellis che con il suo lavoro certosino ha portato a Roma i talenti irlandesi. Ma anche sul fronte del Concorso Corti c’è stata tanta sorpresa per le emozioni regalate. Quest’anno è stato un anno profiquo infatti i15 finalisti sono stati prescelti su circa un centinaio di lavori. In particolare 10 live action e 5 di animazione. E la scelta tra tanti bei corti è stata per certi versi dolorosa. Come sappiamo hanno vinto  per la categoria animazione The Ledge End of Phil di Paul Ó Muiris e per la categoria live action, Ghost Train di Lee Cronin. Ma anche all’altro corto The Good Word  di Stuart Graham che sembrava il favorito è andato una menzione della Giuria. Tutti e tre storie inattese di noir dove gli irlandesi sono bravi. Tra le proiezioni più affascinanti ricordiamo quella di Song of the Sea (2014), film di animazione candidato agli Oscar 2015 di Tomm Moore, co-fondatore di Cartoon Saloon, con la splendida voce di Fionnulla Flanagan. Il film di chiusura ’71, primo lungometraggio di Yann Demange, è dedicato al recente passato dell’Irlanda. Il titolo dice tutto: quegli anni sono il periodo tragico della storia irlandese senza il quale però non ci sarebbe stata la rinascita del popolo irlandese. La recluta inglese Gary (Jack O’Donnell), in servizio nell’insanguinata Belfast durante i “troubles”, si ritrova solo nella zona in mano ai rivoltosi. Ne viene fuori un film d’azione dai risvolti inaspettati.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*