Johnny Depp respinge Amber Heard
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

ELEZIONI 2018, CHIUSE LE CAMPAGNE ELETTORALI: TUTTI IN SILENZIO ASPETTANDO I RISULTATI

cq5dam-web-738-462

AG.RF.(redazione).03.03.2018

“riverflash” – Si è svolta ieri, l’ultima giornata della campagna elettorale dei diversi partiti che parteciperanno alle elezioni politiche del 2018 e diverse sono le posizioni e le aspettative dei leader che li rappresentano. Luigi Di Maio afferma: “Siamo ad un passo dalla vittoria”, parole supportate da Beppe Grillo che aggiunge: “Noi soli contro FI, diamo l’ultima spallata”, mentre Renzi puntualizza: “ Meglio all’opposizione che con gli estremisti”. Grasso è convinto di poter arginare la destra e Tajani e Salvini scalpitano per diventare premier. E’ questo dunque lo scenario che si è presentato ieri alla chiusura dei giorni passati nelle piazze a convincere gli elettori a votare questo o quel partito, ma il vero rischio di queste nuove elezioni, sono gli indecisi che, stando alle stime, potrebbero ammontare a 4 milioni. Tuttavia il Movimento 5 Stelle sembra non conoscere indecisioni anzi, i grillini sono sicuri della vittoria “Al di là di quale percentuale si tratti, da quello che ho visto io il M5S può vincere in tutti i collegi uninominali del Sud e in molti del Nord e così possiamo raggiungere la maggioranza per governare” – ha dichiarato il candidato premier dei 5Stelle ieri, a Piazza del Popolo, dove si concludeva la campagna elettorale, assicurando, in caso di vittoria, di voler procedere con “un decreto in tre punti: al primo dimezzeremo lo stipendio ai parlamentari della Repubblica, al secondo togliamo i vitalizi e al terzo disponiamo 30 miliardi di sprechi verso aiuti alle famiglie e ai pensionati”. Ed ha anche ricordato: “Il Movimento è stato dato per morto ogni 6 mesi negli ultimi 5 anni e oggi siamo qui con un consenso ancora maggiore rispetto al 2013, ma se allora siamo entrati in Parlamento come opposizione stasera quell’era finisce e inizia quella del governo”. Ovviamente di parere opposto è Matteo Renzi che ha affermato: “Il Movimento 5 Stelle ci ha insultati e non avrà mai i nostri voti: parleremo di sconfitta solo nel caso in cui non dovessimo arrivare ad essere il primo partito e il primo gruppo in Parlamento, non nascondendo di fatto, il timore che i grillini possano ottenere maggiori voti del partito democratico. E infine la coalizione che fa capo al centro destra, con Forza Italia, che ha rilanciato la candidatura a premier di Antonio Tajani “ Con lui i nostri interessi in Europa verranno protetti”, la Lega con Salvini “Con Renzi, Grillo e la Boldrini non abbiamo niente a che fare”, chiudendo quindi la porta a qualsiasi possibile alleanza e Fratelli d’Italia con la Meloni (candidata premier), che ha puntualizzato: “E’ una competizione leale all’interno della coalizione e vedremo i cittadini chi preferiranno tra i tre nomi in campo. Speriamo vogliano dare a una donna l’opportunità di misurarsi alla guida della Nazione”.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*