Il calendario della nuova Serie A
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

CALDO: UECOOP, OLTRE 2,4 MILIONI DI ANZIANI A RISCHIO

AG.RF.(redazione).30.06.2018

“riverflash” – Oltre 2,4 milioni di anziani non autosufficienti a rischio afa. E’ quanto afferma l’Unione europea delle cooperative Uecoop in relazione all’arrivo dell’ondata di calore sulla Penisola con temperature sopra i 35 gradi al nord in grado di mettere a dura prova la resistenza di chi ha oltre 65 anni e in particolare di quella maggioranza di non autosufficienti che non si trova ricoverata in strutture residenziali ed è quindi più esposta al rischio di colpi di calore e disidratazione. Il consiglio per chi ha un anziano in casa – spiega Uecoop – è quello di evitare le uscite nelle ore più calde della giornata e nel caso proteggere la testa con un cappello, indossare abiti leggeri e usare gli occhiali da sole, inoltre bisogna sempre stare attenti che l’anziano beva acqua in maniera costante e a temperatura ambiente e rinfrescare i locali con i climatizzatori senza però cercare di avere temperature di oltre 8 gradi più basse rispetto all’esterno e usare la funzione di deumidificazione dell’aria in modo da alleggerire la sensazione di afa e ridurre la sudorazione.  La cura degli anziani – afferma Uecoop – sarà sempre più importante visto che negli ultimi 10 anni – spiega Uecoop – gli over 65 in Italia sono cresciuti del 18% arrivando a 13,5 milioni di persone, destinate a crescere ancora visto che secondo l’Ocse nel 2050 in Italia ci saranno 74 over 65 per ogni 100 persone di un’età compresa tra i 20 e i 64 anni, il tutto a fronte di una speranza di vita salita a 82,8 anni rispetto rispetto alla media di 81,2 anni di dieci anni fa. Una situazione – conclude Uecoop – che rende strategico organizzare un sistema di welfare in grado di soddisfare la domanda di assistenza e servizi delle famiglie italiane.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*