Stelle Michelin: 3 a Enrico Bartolini
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

BORUSSIA M’GLADBACH –ROMA 2 A 1 : UN FILM GIA’ VISTO… E ORA LA QUALIFICAZIONE SI COMPLICA

AG.RF.(Maura Peripoli).08.11.2019

“riverflash” – Ancora il M’Gladbach, ancora una beffa, ancora l’arbitro e un film già visto: e così la Roma è passata da una “agevole e possibile qualificazione, a dover conquistare il passaggio del turno “con brivido” perché oltretutto, in caso di parità di punti, a passare sarebbe proprio la squadra tedesca, in virtù della miglior differenza reti. Un autogol di Fazio (che andava annullato), il pareggio sempre ad opera di Fazio che si è riscattato dell’errore, e il gol di Thuram, hanno fatto da cornice ad una serata da dimenticare: è finita 2 a 1 per i padroni di casa che hanno festeggiato in mezzo al campo, mentre la Roma “in ginocchio” (in tutti i sensi perché la fatica di giocare ogni 3 giorni si sta facendo sentire), raccoglieva i pezzi di una partita che fu. Punto a capo dunque e tutto da rifare sena lasciarsi andare a facili vittimismi (forse anche un po’ giustificati).Pe la sfida contro il Gladbach, Fonseca ha confermato ancora una volta Pastore ( “sono soddisfatto di lui, sta giocando con continuità ed è normale che migliori, è un giocatore che stimo molto” ) e Veretout che inizia a rappresentare una sicurezza, mentre Mancini e Kluivert non sono sembrati in gran forma e Perotti e Florenzi erano in panchina. Il primo tempo è stato piuttosto noioso e a ravvivare la partita, ci ha pensato allora Fazio con un autorete che spiazza Pau Lopez Lopez (ma il gol tedesco è risultato viziato in avvio da un fallo laterale a favore della Roma non visto dall’arbitro) e i giallorossi rientrano negli spogliatoi stanchi e amareggiati. Inizia la ripresa e subito Stindl ha la palla per pareggiare mentre Pastore dal lato opposto vede il suo tiro a botta sicura, parato da Sommer. Fonseca decide quindi di mandare in campo Diawara (che era fuori da un mese) per provare a dare più ritmo alla partita e al 19esimo del secondo tempo è Fazio a farsi perdonare l’errore commesso, pareggiando i conti con una sforbiciata. Da quel momento i giallorossi ci hanno provato in tutti i modi a vincere la partita, Kluivert ha avuto un paio di occasioni favorevoli), fino ad arrivare al ‘5 minuto di recupero, quello della “beffa” che rilancia la squadra di Rose e affonda la Roma. “Abbiamo sempre controllato la partita, il gol nel finale non è giusto” – ha commentato il mister romanista a fine partita – abbiamo lasciato però troppa iniziativa al Borussia: con loro abbiamo ottenuto due risultati ingiusti, ma questo è il calcio e ora dobbiamo pensare a vincere tutte e due le prossime partite”. Come da copione dunque, la Roma è ancora una volta a rincorrere i risultati per poter accedere al prossimo turno di Europa League: d’altronde è proprio nel Dna della sua storia, quello di complicarsi la vita… non si può dire che la squadra abbia giocato male e non si può nemmeno dire che nei due incontri con i tedeschi, la fortuna sia stata presente… se poi ci si mettono anche gli arbitri ( a proposito perché non utilizzare il Var anche per l’Europa League? ), diventa tutto più complicato, ma i giallorossi hanno dimostrato di essere in grado di compiere grandi rimonte e imprese.. e speriamo che questa volta lo facciano veramente.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*