Johnny Depp respinge Amber Heard
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

AS ROMA, INIZIA L’ ERA MOURINO: PRESENTATO IERI ALLA STAMPA, CHIARISCE SUBITO: “NON SONO QUI IN VACANZA”

AG.RF.(redazione).09.07.2021

“riverflash” – In uno scenario degno della Città Eterna, sulla terrazza Caffarelli al Campidoglio, in un clima “infuocato”, è stato presentato ieri alla stampa, il nuovo mister della Roma Josè Mourinho: tante erano le aspettative per questo incontro per la prima conferenza stampa dello “Special One”: in tenuta sportiva, senza tradire emozioni, si è presentato così, chiarendo subito, qualora qualcuno avesse qualche dubbio: “Non sono qui in vacanza” e questa frase la dice lunga sui motivi che l’hanno convinto ad accettare questa sfida, in una piazza che non è certo delle più facili: egli sa perfettamente che i tifosi romanisti si aspettano tanto da lui, ne sono testimonianza le numerosissime scene di entusiasmo all’annuncio del suo ingaggio (tenuto gelosamente e intelligentemente nascosto dal presidente Friedkin fino all’ultimo)  e i commenti esaltanti appparsi sul web “ Voglio e devo ringraziare i tifosi per la reazione al mio ingaggio, è stata eccezionale. Mi sono sentito subito in debito per questa accoglienza, è stato veramente emozionante”. E subito dopo ha ringraziato la società per la fiducia che gli è stata accordata: non a caso è stata scelta la location del Campidoglio e vicino alla statua di Marco Aurelio, dove si è fatto fotografare: “Perché sono qui? Nulla viene dal nulla, come nulla ritorna nel nulla e ciò è molto simile a quello che io ho sentito quando ho parlato con i Friedkin. “Ci tengo a sottolineare che non voglio titoli fini a se stessi, ma ho tre parole che ricorrono nella mia mente. Tempo, progetto e lavoro”. Non ha fretta dunque Mourinho, ha sposato in pieno la teoria del presidente e di suo figlio, è qui per cambiare ciò che è stato fino ad ora, per costruire un progetto duraturo e finalmente vincente, per regalare una gioia ai meravigliosi supporters romanisti, che sono sempre pronti a sostenere la loro squadra nel bene e nel male: “Questa non sarà la Roma di Mourinho, ma la Roma dei tifosi”. Finalmente! Nessuno mai aveva riservato tali parole ai tifosi, il motore pulsante della squadra, quelli sempre pronti a ripartire dopo una delusione o una sconfitta: il “mai una gioia” verrà ora trasformato in traguardi “concreti”, quelli che vuole ottenere la società: poche parole, tanti fatti e l’ha dimostrato l’ingaggio a sorpresa “dell’uomo giusto al posto giusto”. E cambierà anche il modo di fare notizia: non più domande scontate o poco pertinenti, perché questo è un mister, che dopo aver detto di non voler essere paragonato a nessuno, non lascia passare nulla, è attentissimo al modo di fare informazione e non gradisce domande circa il futuro del suo operato, ribadendo ancora una volta che per ottenere risultati duraturi, ci vuole tempo: “voglio creare qualcosa di sostenibile nel futuro, voglio divertirmi e ci divertiremo, sento la responsabilità del legame con la città ma siamo qui per lavorare e lo farò per 24 ore, tranne qualche ora per dormire….ora vi saluto perché ho gli allenamenti”. Cambia tutto allora, il mister è stato chiaro, la sua più che una conferenza stampa è stato un show degno di un grande interprete: d’altronde ci sarà pure un motivo se l’hanno soprannominato “special one”…

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*