La Serie A, stagione 2020-2021
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Ansia e panico trasmessi al pubblico dal film GOOD TIME di Benny e Josh Safdie

di Marino Demata (RiveGauche)

AG.RF 18.07.2020 – Non lasciatevi ingannare! Il titolo di questo film, Good time, non rispecchia assolutamente quello che accade in circa due ore. Si tratta di un titolo palesemente ironico per una narrazione relativa a due fratelli, Connie, interpretato da Robert Pattison  e Nick, interpretato da Benny Safdie, che è anche il co-regista del film assieme al suo fratello reale Josh Safdie. All’inizio troviamo il robusto Nick alle prese con uno strano psichiatra che lo induce a giochi psicologici, dai quali si evince il suo stato mentale decisamente dissestato. La calma della scena, una vera rarità per tutto il  prosieguo del film, dove calma ce n’è veramente pochissima, viene interrotta dall’irruzione del fratello di Nick, Conny, che, violentemente, si riprende suo fratello portandolo fuori con la forza. Ma non per riportarlo a casa e per farlo stare un po’ tranquillo, ma per fargli fare da aiuto per una rapina in banca programmata per il primo pomeriggio. E qui  i fratelli registi Safdie costruiscono una sequenza che è un riconoscibilissimo omaggio a Dog day afthenoon/quel pomeriggio di un giorno da cani, tanto che ti aspetti di vedere spuntare da un momento all’altro Al Pacino!
La rapina dei due uomini mascherati riesce abbastanza bene, ma questa sarà l’unica cosa a finire per il verso giusto: la fortuna comincia a non girare più a favore dei due fratelli. Per uno strano gioco del destino, una parte dei soldi viene irrimediabilmente macchiata da un colorante accidentalmente cascato sulla borsa milionaria e per giunta la polizia è in agguato. Assistiamo ad uno dei tanti inseguimenti disseminati nell’arco del film, che si conclude in maniera nefanda, cioè con l’arresto di Nick, più malandato che mai, dopo essersi schiantato su una lastra di vetro in frantumi e spedito in prigione e poi in un ospedale sotto sorveglianza.
A questo punto del film (e siamo solo nel primo quarto d’ora), il pubblico assiste ad una decisa virata. Lo scopo fondamentale di Connie diventa quello di portare via Nick dall’ospedale dove è ricoverato sotto scorta. Ci prova con i mezzi legali (strano, ma vero), e cioè pagando la cauzione. Ma i soldi sporcati dalla vernice, e quindi inservibili  sono troppi e quello buoni sono insufficienti. A questo punto Conny ricorre alla sua ragazza (Jennifer Jason Leigh) chiedendogli un prestito e in pratica di adoperare la sua carta di credito. Ma la cifra è ingente e la carta è stata bloccata dalla madre, che la conosce fin troppo bene.
Preso dalla disperazione e dalla preoccupazione per il fratello, Conny piomba in ospedale, per tentare di portarlo via. Lo spettatore sa che questo è impossibile e la realizzazione nel film di tale scellerato piano andrebbe contro ogni parvenza di verosimiglianza. E infatti apparentemente sembra fin troppo facile portare via su una sedia a rotelle il fratello, come in effetti sembra fare Connie, attraversare vari corridoi e portarlo su un’ambulanza che trasporta altri degenti malandati. Troppo facile e inverosimile. E infatti, e qui c’è il momento umoristico/paradossale del film, Connie non ha portato via il fratello, scortatissimo dai gendarmi, ma un altro malato, anch’egli, per la verità, in odore di prigione.

Si crea così, per tutto il prosieguo del film e della notte maledetta alla quale stiamo assistendo, una nuova strana e involontaria coppia, formata da Connie e da un tale con un volto sfigurato da far paura. La nuova coppia trascorrerà il resto della notte in una girandola di emozioni e di fughe a non finire.
Proprio come per il successivo film, già qui recensito, Uncut gems, questo Good time, che lo precede di poco più di un anno, ha un ritmo forsennato e decisamente godibile. È una coppia di film che ci hanno fatto scoprire questi due straordinari fratelli registi, oggi quarantenni, che dimostrano di aver stoffa da vendere e di essere capaci, se capiranno che occorre, tra gli ingredienti, inserire maggiore ironia, di andare verso autentici capolavori. Per ora gli inizi sono veramente promettenti e più che buoni.
Tra le altre doti, spicca la capacità di saper far lavorare bene gli attori, compresa Jennifer Jason Leigh che, in una parte molto breve, riesce ad illuminare lo schermo con un piccolo, ma sostanzioso, saggio di recitazione. Ma la vera rivelazione del film è il protagonista principale, Robert Pattinson, in una interpretazione veramente strepitosa, che fa ormai dimenticare le incertezze della saga Twilight e quelle di Cosmopolis di Cronenberg, e qui piuttosto si riallaccia alla bella performance del film australiano, inedito in Italia, The rover. Con questo film dimostra di esser vero grande attore, in una parte non semplice, con una recitazione scattante ma non forzatamente artefatta.
Del gran ritmo del film abbiamo detto. Ma va dato merito ad  altri due tasselli costanti dei fratelli registi, l’autore della fotografia Sean Price Williams, che abbonda in intensi primi piani, che accentuano la drammaticità di alcune sequenze, e la musica nervosa e martellante di Daniel Lopatin, che qui fa le prove generali d’orchestra di quanto farà vedere e sentire in Uncut gems. Sono due aiuti validissimi che hanno contribuito a portare i due fratelli registi Safdie in rampa di lancio.

 

Fonte: https://rivegauche-filmecritica.com/

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*