La Serie A, stagione 2020-2021
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Ana e l’arte del Macramè “Rivalutiamo l’artigianato in un mondo che non ci aiuta a stare bene”

di Simona Boenzi (AG.RF 10.10.2020)

(riverflash) – Si chiama Ana Gelardini, ha 31 anni, una laurea in odontoiatria conseguita in Venezuela. Attualmente vive a Genzano di Roma e mentre racconta come è nata la sua passione per questa bellissima arte manuale del filo, ottenuta con una consequenziale composizione di nodi, mostra i suoi lavori. Orecchini, ciondoli, collane, in un susseguirsi di vivaci colori che ricordano la bellezza della sua Terra. “Mi sono laureata in Venezuela nel 2012 – racconta Ana – nel mio Paese la vita è dura da morire , ho studiato grazie alla mia famiglia ma i problemi escono quando devi trovarti un lavoro. Fortunatamente non mi sono mai scoraggiata, al contrario, sin da bambina ammiravo i ragazzi più grandi che la sera sulla spiaggia vendevano questi bellissimi monili colorati e mi piaceva tanto fermarmi a guardare. Per caso proprio all’università conobbi tanti anni dopo un ragazzo che studiava e nel frattempo faceva queste creazioni per poi venderle agli amici e agli studenti. Fu amore a prima vista vederlo annodare tutti quei fili e gli chiesi di insegnarmi. Mi fece vedere il nodo di base ( per chi non sapesse cosa è il Macramè, ricorderà i braccialetti in stoffa con le fantasie “a spina di pesce “ oppure a righe diagonali n.d.r.). In seguito ho subito cercato su internet i tutorial e, con molto impegno e tanta esercitazione, ho cominciato a riprodurre prima, ad inventare motivi poi”. Ana è ora in Italia, in attesa che la sua laurea venga riconosciuta e tradotta. Lei spiega che anche qui non ha smesso un attimo di lavorare le sue creazioni e trascorre molto tempo nella sua stanza che è stata trasformata in un piccolo laboratorio. “ Ho aperto una pagina Instagram – prosegue – una pagina su Etsy e su Facebook, solo chi fa lavori artigianali però può capire che non è facile vendere on line e per fare mostre ed esposizioni servono soldi. Io non mi scoraggio, ho iniziato da poco con la pubblicazione dei miei lavori e se sono arrivata a realizzare questo grande desiderio, voglio andare avanti. La manualità è un’arte ma è anche una forma di meditazione. Mi aiuta nei momenti in cui ho nostalgia del mio Paese, mi basta vedere quei colori, quei filati ed è lì che inizio ad assemblarli, mischiando l’azzurro del mare, il giallo del nostro sole e le mani vanno da sole. Quello che mi sento di dire è che grazie a questo piccolo mondo che mi circonda, mi sento protetta, vado avanti e vorrei che la manualità venisse veramente apprezzata di più e sfruttata di meno”.

Per chi volesse contattare Ana Geraldini qui trova le info : Instagram : @tsartbongu.jewelry Facebook: tsartbongu Etsy : tsartbongu

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*