Sneakers: storia di un successo
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

ALTRO CHE AMORE A PRIMA VISTA: CUPIDO PUO’ ARRIVARE DOPO “DIVERSI” SGUARDI

22615826-cupid-roses

AG.RF.(MP).23.08.2016

“riverflash” – Ma dov’è andato a finire il classico “colpo di fulmine”? L’amore a prima vista, sembra non esistere più, perché un gruppo di scienziati americani dell’Hamilton College, effettuando uno studio sul tema, sono giunti alla conclusione che  il colpo di fulmine non è affatto l’unico modo per trovare il partner della vita. La loro teoria è che, dare tempo al tempo a volte paga maggiormente, perché più ci si osserva e più ci si piace. E così, anche se magari non si viene colpiti da qualcuno al primo incontro, la stessa persona può iniziare a piacere al secondo sguardo, per mostrarsi poi “più appetibile” al terzo, fino a raggiungere “il top” dell’entusiasmo al quarto sguardo. Il test è stato condotto su 22 giovani senza legami, maschi e femmine: i ricercatori hanno mostrato loro una serie di fotografie che ritraevano dei volti, ai quali i partecipanti dovevano assegnare un punteggio e durante il periodo di osservazione, veniva inoltre registrata, la loro attività cerebrale. Si è così osservato che i punteggi attribuiti aumentavano con visioni successive dello stesso volto, mostrato in ordine diverso. E in corrispondenza dell’apprezzamento, il macchinario di monitoraggio disegnava un picco per due tipi di onde cerebrali. Ecco perché i ricercatori affermano che spesso, pur sentendosi attratti da una persona, ci vuole tempo affinchè “la freccia di Cupido”, riesca a colpire: una parte importante di questo fenomeno può essere riconducibile al cambiamento graduale associato alla ripetizione. Più ci si conosce, insomma, e più ci si trova belli. Ed  un successivo studio americano, sottolinea un ulteriore aspetto significativo: “Oltre alla visione ripetuta, sul giudizio pesano anche le opinioni altrui. Per ‘pilotare’ l’aspettativa degli osservatori, infatti, gli scienziati avevano pre-sottoposto le immagini utilizzate alla valutazione di un gruppo di pari che aveva espresso generale gradimento per i visi analizzati. Risultato?  Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace, soprattutto se piace agli altri.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*