LE ORIGINI DEL COLORE ROSA
header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

LA LAZIO CROLLA A NAPOLI (4 A 1) E I PARTENOPEI SI RIPRENDONO LA TESTA DELLA CLASSIFICA

231331303-77e14bed-d5a8-4dcc-a9f4-c07ab167d428

AG.RF.(redazione).11-02.2018

 “riverflash” – La Lazio è crollata a Napoli (4 a 1), nella partita sua più brutta della stagione, quella che avrebbe dovuto “testare” le potenzialità di rimanere al terzo posto in classifica (che ora vacilla). Eppure si era messa bene per i biancocelesti, passati subito in vantaggio, al 3 minuto con de Vrij, ma poi, si è spenta la luce e nell’arco di 13 minuti, il Napoli ha realizzano tre reti. Il sigillo finale è di Mertens. Si è trattato di una vera e propria prova di forza del Napoli che, sicuramente, a stare dietro la Juve (vittoriosa a Firenze), non ci stava. E così gli azzurri hanno vinto l’ottava partita di fila in campionato, dopo avere inizialmente sofferto la pressione della Lazio. Alla fine primo tempo, però, è arrivata la doccia fredda per i ragazzi di Inzaghi. Lancio pregevole di Jorginho, che premia il solito movimento alle spalle della difesa di Callejon, che controlla e scaraventa il pallone alle spalle di Strakosha. parolo-y-insigneIl pari fomenta e carica il San Paolo, anche troppo, visto che Sarri viene allontanato dal campo per aver protestato platealmente dopo un fallo di Milinkovic-Savic – punito col giallo dall’arbitro Banti – sull’autore del pareggio. Ma nella ripresa, la Lazio si è spenta definitivamente, diventando la brutta copia della squadra vista nelle ultime  partite e sembra imbambolata di fronte al Napoli, con preoccupanti vuoti in difesa, tanto da subire altre 3 reti. E non sono serviti a nulla i tre cambi ravvicinati di Inzaghi, Lukaku, Caicedo e Nani, operati da Inzaghi nel tentativo di raddrizzare la partita: il calo mentale dei laziali è stato evidente e i giocatori sono usciti a testa bassa dal campo, mentre i partenopei, festeggiavano giustamente davanti ai loro tifosi in estasi. 4 a 1 è lo stesso risultato della partita d’andata: “Si è trattato di un ko meritato, nella ripresa i miei giocatori hanno offerto una prestazione inaccettabile”, ha commentato uno sconsolato Inzaghi a fine partita, Nel secondo tempo non siamo praticamente entrati in campo e con il Napoli lo paghi. Abbiamo fatto un buon primo tempo, ma forse abbiamo accusato il gol subìto nel finale: nel secondo tempo abbiamo sbagliato e la sconfitta è stata meritata. In passato abbiamo sempre avuto una reazione quando siamo andati sotto, anche con squadre importanti come il Napoli, ma stasera non lo abbiamo fatto ed è inaccettabile. Ora dobbiamo capire dove abbiamo sbagliato e rimetterci subito in carreggiata, dobbiamo ripartire. Credo si sia trattato non di un calo fisico ma mentale”.

 Napoli-Lazio 4-1
Napoli (4-3-3):
Reina; Hysaj, Tonelli, Koulibaly, Mario Rui; Allan (37’st Rog), Jorginho, Hamsik (1’st Zielinski); Callejon (40’st Maggio sv), Mertens, Insigne. In panchina: Sepe, Rafael, Albiol, Diawara, Machach, Ounas. Allenatore: Sarri.
Lazio (3-5-2): Strakosha; Wallace, De Vrij, Radu; Marusic, Parolo, Leiva (22’st Nani), Milinkovic-Savic, Lulic (15’st Lukaku); Luis Alberto (15’st Caicedo), Immobile. In panchina:

Vargic, Guerrieri, Patric, Bastos, Basta, Luiz Felipe, Caceres, Murgia. Allenatore: Inzaghi.
Arbitro: Banti di Livorno.
Reti: 3’pt De Vrij, 44’pt Callejon; 9’st Wallace (A), 11’st Zielinski, 28’st Mertens.
Note: serata fredda, terreno in discrete condizioni, spettatori 30.000. Ammoniti: Leiva, Milinkovic-Savic, De Vrij. Espulso al 44’pt Sarri per proteste. Angoli: 2-2. Recupero: 2′; 2′.

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento


Heads up! You are attempting to upload an invalid image. If saved, this image will not display with your comment.

*